Cerca

Istituto nazionale di oceanografia

Scoperti due canyon sottomarini in Calabria: coste a rischio smottamenti

Scoperti due canyon sottomarini in Calabria: coste a rischio smottamenti

Quelli più grandi e conosciuti al mondo, come a Monterey in California o a Setubal, in Portogallo, possono essere lunghi anche 200 chilometri fino a perdersi nelle profondità oceaniche a migliaia di metri di profondità. Sono i canyon sottomarini: vere e proprie vallate sommerse. Nel mondo se ne contano circa 800 in prossimità delle coste. Un centinaio quelli sparsi nel Mediterraneo. Di per se sono innocui, ma in presenza di forti correnti marine possono "muoversi", ingrandirsi o rimpicciolirsi. E se sono vicini alle coste, possono mettere in pericolo la stabilità di porti, strade, linee ferroviarie.

In Italia, come riporta Repubblica.it, quelli più conosciuti sono nei pressi dello Stretto di Messina, nei pressi di Ischia (Canyon di Cuma) e dell'Asinara (Canyon di Castelsardo). Ma ora gli occhi degli scienziati sono puntati sulla Calabria. "È un caso unico al mondo e lo abbiamo scoperto da poco", dice Silvia Ceramicola, geologa marina presso l'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (Ogs). "Il settore marino si sta abbassando, mentre quello emerso si sta sollevando, e questo genera una costa molto dinamica. Sospettiamo che qui i canyon si stiano sviluppando rapidamente".

Il rischio principale è legato al progredire dei canyon verso la linea costiera. "A Cirò Marina, in Calabria, un canyon sta progredendo rapidamente verso il porto. Qui dovremmo compiere misure frequenti per evitare danni importanti alle infrastrutture". Ma se il canyon decide di procedere ci sarà poco da fare: "A un certo punto potremmo dover spostare il porto intero", confida l'esperta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miciofurs

    04 Ottobre 2015 - 09:09

    ..si è dimenticata di dire che ciò potrà accadere fra dieci o ventimila anni.

    Report

    Rispondi

blog