Cerca

Bossetti alla sbarra

Yara, il processo continua: "Non è stata uccisa nel campo di Chignolo"

Yara, il processo continua:

È ripreso a porte chiuse il processo a Massimo Bossetti, accusato di aver ucciso Yara Gambirasio. Il medico legale Dalila Ranalletta, consulente della difesa di Bossetti, ha ribadito che non può essere stabilita con esattezza l'ora della morte e che Yara non è stata uccisa nel campo di Chignolo, ma in un altro posto e trasportata lì successivamente. La Ranalletta ha poi specificato che nelle ferite di Yara sono stati scoperti diversi fili di diverso colore, come se la tredicenne possa essere stata avvolta da coperte e plaid. Il corpo della ginnasta sarebbe stato inoltre rinvenuto parzialmente mummificato, come se fosse stato per lungo tempo in un ambiente confinato e chiuso.

Per la consulente della difesa, dunque, Yara non sarebbe stata uccisa a Chignolo, ma trasportata lì in un secondo momento. Al contrario l'anatomopatologa che eseguì l'autopsia sul corpo ragazzina, durante la sua deposizione, aveva chiarito: "Vi sono numerosi elementi che derivano dalla biologia, dalla botanica e dell'entomologia che autorizzano a ritenere che la ragazzina sia stata aggredita e sia morta nel campo di Chignolo d'Isola in cui fu ritrovata". La consulente della difesa è intervenuta anche sull'arma usata per seviziare Yara, arma mai ritrovata. Secondo la Ranalletta, non è possibile individuare con precisione di quale tipo fosse: si tratterebbe, comunque, a suo avviso di un'arma importante e non di un coltellino Opimel come quello che Massimo Bossetti aveva e che è poi scomparso, come sostiene invece l'accusa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    10 Ottobre 2015 - 10:10

    Emerge sempre più un quadro inquietante. E a inquietare è sempre più la coscienza che il lavoro investigativo è stato condotto dal PM con sommaria superficialità. Il movente non esiste (violenza per i litigi con la moglie?) Le prove non ci sono e il DNA è una incognita (troppo poco e inquinato). Bossetti è colpevole? Non lo so, ma questo caso è stato gestito con i piedi!

    Report

    Rispondi

    • bettely1313

      10 Ottobre 2015 - 14:02

      è un processo con due piste diverse, quella costruita a tavolino dall'accusa per trovare un colpevole e non il colpevole della morte di Yara. Quella della difesa inerente alla realtà dei fatti mano mano che le prove e indizi indicano la strada come siano andati veramente i fatti. insomma è un imbroglio giudiziario per salvare gli inquirenti e condannare il malcapitato Bossetti.

      Report

      Rispondi

      • zhoe248

        10 Ottobre 2015 - 14:02

        sì, ma che ci fa il DNA di bossetti sugli slip di Yara? E' il DNA ritrovato su Yara che ha condotto a Bossetti, e non il contrario.

        Report

        Rispondi

        • bettely1313

          10 Ottobre 2015 - 15:03

          intanto il DNA nucleare e il mitocondriale non combaciano, quindi che sia di Bossetti è tutto da vedere. Sarà pure il DNA di ignoto1 ma si deve capire chi è poi il vero ignoto1. Bisogna vedere se veramente sullo slip di Yara c'è un DNA, personalmente non ci ho mai creduto, perché la pista pedofila è un invenzione dell''accusa e la difesa sta smantellando l'impianto accusatorio Bossetti pedofilo

          Report

          Rispondi

  • bettely1313

    09 Ottobre 2015 - 19:07

    non può essere stata uccisa sul campo di Chignolo d'isola, lo hanno sempre sostenuto sia l'elicotterista che la Protezione civile che non c'era nessuno corpo subito giorni dopo lì al campo Yara potrebbe essere stata uccisa si, la sera stessa, poi però è stata portata altrove. Secondo la Ranalletta il corpo di Yara è stato a lungo chiuso in ambiente umido. Come non pensare a una cella frigorife

    Report

    Rispondi

blog