Cerca

Il delitto di Brembate

Massimo Bossetti, il "buio telefonico" con la moglie: 8 giorni di silenzio

Massimo Bossetti

Massimo Bossetti, secondo l' accusa, non era a casa nelle ore precedenti il delitto di Yara Gambirasio. E nei giorni che precedono e seguono la scomparsa della tredicenne, avvenuta il 26 novembre del 2010 a Brembate di Sopra, il muratore non ha avuto nessun contatto telefonico con sua moglie, Marita Comi. Otto giorni di "buio telefonico", tra il 21 e il 28 novembre del 2010, che per la procura di Bergamo, al cui vaglio ci sono i risultati di 118mila utenze controllate nelle celle ritenute utili alle indagini, si trasformano in un particolare «significativo».

È quanto emerso ieri durante l'udienza del processo in corso a Bergamo grazie ai dati di Giuseppe Gatti, il maresciallo dei carabinieri del Ros di Brescia che, ascoltato dall' accusa, ha ricostruito in maniera dettagliata i tabulati del cellulare del muratore e dei suoi familiari. Oltre alle telefonate tra la famiglia Bossetti e la mamma dell' accusato, quando quest' ultima viene convocata dalla questura per l'esame del Dna, il telefonino di Bossetti risulta agganciato alla cella di via Natta, a Mapello, alle 17.45 del 26 novembre. La stessa cella alla quale era agganciato il telefonino di Yara prima di perdere qualsiasi segnale. Un particolare che smonterebbe la tesi del 44enne, padre di tre figli, il quale ha dichiarato di trovarsi a casa nelle ore in cui della ragazzina si sono perse le tracce.

A smontare la sua tesi c' è anche una telefonata ricevuta al mattino, quando Bossetti si trovava a casa, ma con il cellulare agganciato ad un' altra cella, quella di via Carbonera, che dai tabulati risulta agganciata «3953 volte su 5.700 ricorrenze», come ha spiegato Gatti al pm Letizia Ruggeri.

In aula, ieri, Bossetti si è ritrovato di fronte anche al carabiniere che lo arrestò il 16 giugno dell' anno scorso, nel cantiere di Seriate. Riccardo Ponzone, questo il suo nome, ha ricordato il disagio manifestato dall' imputato all' arrivo delle forze dell' ordine, che simularono un intervento per contrastare il lavoro nero. «Tutti rimasero fermi, stupiti. L' unico che manifestò preoccupazione e si mosse lungo il ponteggio fu il signor Bossetti». E in aula, su richiesta della difesa, sono stati proiettati frammenti del video sull' intervento al cantiere e sul fermo dell' uomo ad opera di una trentina di uomini delle forze dell' ordine tra carabinieri e poliziotti. Intanto Marita è rientrata in possesso della Volvo del marito sequestrata all' indomani del fermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    20 Ottobre 2015 - 06:06

    @Timoty Owen te le raccomando le verità del FQ, prima cresci e poi.... E' il solo giornale che non prende sovvenzioni da banchieri e palazzinari.... ci credo che sono scemi a sovvenzionare un giornale del genere? Ma non hai capito che la forza di questo giornale è la notizia sensazionale e meglio di uno scandalo che c'è? Solo che gli scandali sono costruiti in redazione non da fonte vera.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    20 Ottobre 2015 - 06:06

    -8 giorni di buio telefonico tra Bossetti e sua moglie- Che nesso può avere sull'omicidio di Yara il fatto che Bossetti e sua moglie non si sono sentiti per telefono dal 21 al 28 novembre? Ma anche se fosse stato dal 26 novembre a 8giorni dopo. Valle a capire queste indagini che hanno portato alla sbarra Bossetti. Finora l'impianto accusatorio fa acqua da tutte le parti e l'accusa non desiste.....

    Report

    Rispondi

  • oenne

    17 Ottobre 2015 - 17:05

    YOU arwenboss !!!!_ tu sei il cugino di bossetti _ inutile fare l iguana

    Report

    Rispondi

  • paolomo

    17 Ottobre 2015 - 12:12

    Dovrà pagare tutto. La magistratura italica dovrà rendere conto anche di questo cinema.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti