Cerca

Sfiduciato

Scoop sul tumore del Papa. Vespa pronto a dimettersi

Scoop sul tumore del Papa. Vespa pronto a dimettersi

Ci sono quattro redazioni di altrettanti quotidiani che vogliono le immediate dimissioni di Bruno Vespa. La delusione è forte quando chi dovrebbe essere al tuo fianco, se non davanti, decide di defilarsi. E sarà stata forte la delusione dei giornalisti del Quotidiano nazionale (La Nazione, il Giorno, il Resto del Carlino e quotidiano.net) dopo che il loro direttore editoriale, il giornalista Rai Bruno Vespa, ha voluto prendere le distanze dallo scoop mondiale di Qn a proposito del piccolo tumore al cervello di cui sarebbe affetto Papa Francesco. Subito dopo la diffusione della notizia, dal Vaticano si sono affrettati a smentire, definendola assolutamente falsa. E seguendo di fatto la linea tracciata dalla Santa Sede, Bruno Vespa non se l'è sentita di schierarsi col suo giornale. Così durante la diretta di Porta a porta ha detto di "non avere responsabilità" su tutto il lavoro portato avanti dai suoi giornalisti.

La reazione - La posizione di Vespa ha lasciato l'amaro in bocca ai giornalisti di Qn, già alle prese con le accuse da buona parte della stampa cattolica di essere strumento di un complotto contro il Papa: "Ieri sera, durante la trasmissione Rai Porta a porta dedicata alla malattia del Papa, notizia riportata dai quotidiani della Poligrafici - scrivono i Cdr in una nota a proposito di Vespa - ha tenuto a specificare che è solo il direttore editoriale e non ha nulla a che vedere con le notizie pubblicate, la cui responsabilità è in capo esclusivamente al direttore Andrea Cangini". Si fa sempre più misterioso il significato del ruolo di direttore editoriale di Qn ricoperto da Vespa, tant'è che gli stessi giornalisti ritengono poco produttivo: "mantenere una figura che non porta nessun contributo positivo". E il periodo per Qn, come per tutti i giornali, non sembra proprio il migliore per regalare stipendi. I giornalisti infatti ricordano che Vespa lavora in un gruppo: "che è da anni alle prese con piani di riorganizzazione, cassa integrazione e solidarietà, tutti interventi che gravano sulle buste paga dei redattori, i giornalisti si chiedono perché si debba continuare a spendere denaro per mantenere una figura che non porta nessun contributo positivo ai nostri giornali e che, anzi, alla prima occasione ne prende decisamente le distanze. In considerazione di questo - aggiungono nella nota i giornalisti - il coordinamento del Cdr ritiene le dimissioni di Vespa indispensabili e chiede un intervento immediato dell'azienda". Richiesta rapidamente stoppata dall'editore della Poligrafici, Andrea Riffeser Monti, che ha confermato la fiducia nel direttore editoriale Vespa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JamesCook

    24 Ottobre 2015 - 11:11

    A quando una legge che tolga i contributi statali in caso di bufale pilotate e macchine del fango? i direttori sono asserviti al padrone solo uno il più grande tale Indro Montanelli ha avuto la schiena dritta i girnalisti di oggi......... lasciamo perdere anche loro tengono famiglia! Certo che i loro figli.....

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    23 Ottobre 2015 - 19:07

    Vespa pronto a dimettersi. In questo Paese quando vengono fuori delle sparate mostruose, che si tratti di giornalisti o di politici, la prima cosa che dicono è quello di essere disposti a dimettersi. Ma guarda caso che tra tutti i Deputati o i Senatori, tutti gli Amministratori ovvero tutta quella massa di imbecilli che si sono professati pronti ad andarsene sono ancora li.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    23 Ottobre 2015 - 17:05

    onestamente, crede veramente Libero (nonchè il Giornale) che ci sia un complotto contro il papa? alcune affermazioni di questo papa mi hanno lasciato perplesso, che faccio, debbo pentirmi?

    Report

    Rispondi

  • Nysse

    23 Ottobre 2015 - 16:04

    Era ora basta con Vespa !!!! Sono circa quarant'anni che ce lo dobbiamo sorbire ogni sera o quasi !!!!! A tutto c'é un limite !!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog