Cerca

La manovra

La rivoluzione del canone: si paga in un'unica rata a febbraio

Il monoscopio Rai

Il monoscopio Rai

Nel 2016 pagheremo il canone Rai in una sola rata. Sarà addebitato sulla prima fattura relativa alla fornitura dell'energia elettrica. Lo prevede l’ultima bozza della legge di stabilità. Nel 2017 il pagamento sarà poi bimestrale.  La rata unica, però, non piace alle società elettriche che temono un aumento della morosità dei propri clienti obbligati a pagare fattura elettrica e tv. Da dibattere anche la questione relativa alle sanzioni per i gestori elettrici che si attardano nella comunicazione allo Stato dell’elenco degli utenti morosi. L’unica certezza resta che l’abbonamento alla tv pubblica scenderà da 113,5 a 100 euro.  

Le previsioni  Il governo sta decidendo a chi destinare le maggiori entrate che dovrebbero derivare dall'abbattimento dell'evasione fiscale garantito dal pagamento con il cedolino della luce. Tali somme - si legge nella bozza della manovra - non andrebbero a finanziare la tv pubblica, ma finirebbero nel fondo per la riduzione della pressione fiscale. Un tesoretto, stimato in circa 500 milioni di euro, che fa gola alla Rai e che sembrava destinato alla riduzione della pubblicità su alcune reti pubbliche (un obiettivo più volte sottolineato dal premier Matteo Renzi) o al fondo per le tv private e l’editoria.   Negli anni dal 2016 al 2018, invece, secondo l’ultima versione dell’articolo, la Rai dovrebbe poter contare su introiti per un miliardo e 700 milioni come negli anni passati, rispetto un gettito previsto di 2 miliardi e 200 milioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pablito48

    27 Ottobre 2015 - 19:07

    Il finanziamento all'editoria è una porcata. Esistono decine di testate che usufruiscono di finanziamenti solo perchè vicine a correnti politiche ma che nessuno legge o peggio non vengono neanche date alle stampe. I giornali non devono godere di aiuti,come tutte le imprese private se non sono in grado di reggersi da sole,con la vendita dei quotidiani e con la pubblicità,DEVONO chiudere.

    Report

    Rispondi

  • wall

    24 Ottobre 2015 - 18:06

    Non l'ho capito...Quando si vuole fare cassa con i 500milioni di euro che ci vogliono fottere, bastava mettere il canone del "posesso della tv) sulla benzina; come del resto è stato fatto per l'autoradio in macchina. Complicare le bollette elettriche,già non di facile lettura!! Poi in Italia in questio casi non si è mai precisi, su quale utenze elettriche mettono l'addebito,uso domestico e altro.

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    24 Ottobre 2015 - 14:02

    a Domenico Losacco.......ma la lingua italiana dove l'hai messa?....

    Report

    Rispondi

  • attualità

    24 Ottobre 2015 - 10:10

    Il canone rai e' in legittimo ! Che non si debba pagare questo lo sa anche la rai !! Si rischia solo se un cittadino fa un'autocertificazione non veritiera ? Ma in questo caso il cittadino non deve fare un bel niente! Unica cosa da fare e' di non pagare il canone! Quando arriveranno le cartoline della rai bisogna cestinare e basta...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog