Cerca

Sicilia

Tangenti in Rfi, spunta il libro mastro di un imprenditore che inchioda i responsabili

Tangenti in Rfi, spunta il libro mastro di un imprenditore che inchioda i responsabili

C'è un libro mastro attorno a cui ruotano tutte le indagini che hanno portato agli arresti domiciliari di Dario Lo Bosco, presidente della Rete Ferroviaria Italiana. Insieme a lui, sono finiti in manette anche due dirigenti del Corpo Forestale. L'accusa è quella di aver creato un giro di tangenti pagate per evitare intoppi in un un appalto di 26 milioni di euro della Regione Sicilia. Nel libro, sequestrato lo scorso 3 settembre all'imprenditore agrigentino Massimo Campione, c'è d tutto: nomi dei funzionari coinvolti, somme pagate e date. Una miniera d'oro per gli inquirenti che hanno bloccato il proprietario appena prima che lasciasse l'aeroporto di Palermo. Ora l'uomo, che gestiva le tangenti per strade e impianti eolici, ha deciso di collaborare con la giustizia. 

Le indagini - Il procuratore aggiunto, Dino Petralia, ha detto, riguardo alle scoperte fatte: "Ci siamo soffermati sulla naturalezza delle tangenti: non si parla di una o due tangenti ma di un vero e proprio asservimento di una parte deviata del Corpo Forestale della regione che si metteva a disposizione dell'imprenditore". E in effetti, la mole di dati su cui lavorare è immensa. Le pagine del libro sono fitte e per esaminarle ci vorrà del tempo. Spiega infatti Petralia: "Abbiamo trovato una vera e propria contabilità commerciale, molto puntuale e puntigliosa di un imprenditore che teneva questo resoconto un po' per memoria, un po' per pressione o esigenze di contabilità parallela e che ci ha consentito di sondare". Sulla scoperta del libro ha espresso la sua opinione anche Francesco Lo Voi, procuratore di Palermo, che ha spiegato come, con questo sequestro, lo scenario delle indagini cambierà: "Eravamo abituati a sequestrare il libro mastro con le richieste di pizzo nelle indagini sulle estorsioni mafiose. Ora ci imbattiamo in un fenomeno corruttivo che usa gli stessi metodi del racket".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog