Cerca

L'incredibile storia di Carlos

Lo pensavano morto, invece il figlio faceva l'eremita da 20 anni in Maremma

Lo pensavano morto, invece il figlio faceva l'eremita da 20 anni in Maremma

Spagnolo, era fuggito di casa a 26 anni. Faceva lo psichiatra, ma dopo la sua sparizione fu dichiarato ufficialmente morto. Per 20 anni non si è saputo più nulla, i genitori hanno pianto la perdita di un figlio,  fino all'incredibile scoperta: Carlos è vivo e fa l'eremita da 20 anni nei boschi nella Maremma. 

Carlos Sanchez Ortiz De Salazar oggi ha 46 anni. La storia del suo ritrovamento è raccontata dal Corriere della sera. "Per tutti questi anni ha vissuto lontano da tutti", li legge, "sfiorando la civiltà e senza parlare con nessuno sino a pochi giorni fa due funaioli lo avevano sorpreso nella sua tenda nella parte più inaccessibile del bosco". Ai due uomini lui ha detto: "Sono spagnolo, mi chiamo Carlos e vivo qui da vent’anni. Mi avete riconosciuto ora devo scappare". Mostra loro il passaporto e i due cercatori di funghi lo fotografano.

Inizia una ricerca già iniziata da Penelope, l’associazione dei familiari e degli amici delle persone scomparse e da Sos Desaparecidos. Sui social giungono le prime conferme di quel Carlos fuggito da casa nel 1996, dopo una grave depressione, e poi il 23 aprile del 2010 giudicato morto dalle autorità spagnole di Siviglia dove Carlos, nato a Bilbao, aveva abitato fino a 26 anni. 

I genitori di Carlos vengono rintracciati. Venerdì scorso arrivano a Fiumicino con i volontari di Penelope, e vanno in auto fino a Scarlino. Il padre, 68 anni, e la madre, 65, anni, speravano di rivedere il figlio. Ma non è accaduto. "Abbiamo fatto un sopralluogo", spiega il  sindaco di Scarlino, Marcello Stella, "ma dell’eremita non c’era più traccia. Ha portato via parte della sua tenda e chissà se lo troveremo ancora". "E’ vivo e per noi questo è importante. Rispetteremo la sua volontà e la sua libertà, però non ci muoveremo da qui sino a quando non lo avremo riabbracciato, sia pure per un attimo", replicano i genitori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mapagolio

    09 Novembre 2015 - 10:10

    Le fora di stras,i fanatismi a tutti i livelli creano squilibri.Un abbraccio ai genitori.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    08 Novembre 2015 - 07:07

    Sto imbecille almeno poteva avvisare la famiglia che era vivo bella riconoscenza alla famiglia che lo ha messo al mondo

    Report

    Rispondi

blog