Cerca

Fassino prende le distanze

Torino, lo schiaffo ai Marò: raffigurati come due Madonne col mitra e con un teschio ai loro piedi

Marò

L'ultimo insulto ai nostri Marò arriva da una mostra patrocinata dal Comune di Torino, dove sindaco è Piero Fassino. Nella città si è appena conclusa Paratissima, una rassegna artistica per artisti emergenti. Tra le installazioni mostrata nel corso di questa quattro-giorni, ecco spuntarne anche una dal titolo "Maro'nna de Latorre pendente della giustizia e ma'ronna del VII Girone infernale". Già chiaro dal titolo il riferimento ai nostri militari, ancor più chiaro guardando la presunta opera: ecco Salvatore Girone e Massimiliano Latorre raffigurati come due Madonne, con tanto di fucile spianato e teschio insanguinato ai loro piedi. Contro l'opera ha protestato Fratelli d'Italia, che ha parlato senza mezzi termini di "immondizia ideologica di pseudo artisti, costretti dalla evidente mancanza di talento creativo a inseguire la notorietà con infantili provocazioni. Il partito, inoltre, ha chiesto le immediate scuse di Fassino. Da par suo il primo cittadino ha spiegato che l'opera "non corrisponde al sentimento della città di Torino, che in più occasioni ha espresso vicinanza ai nostri marò, auspicando una soluzione che permettesse di riportarli a casa il prima possibile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    03 Gennaio 2016 - 21:09

    Questo abusivo governo subito mandato a casa che non e`altro che un traditore della Patria. Un Italiano in Germania.

    Report

    Rispondi

  • seve

    07 Dicembre 2015 - 12:12

    Le istituzioni dove sono? Ci sono solo quelle che ti fanno pagare pagare pagare . Comunque gli autori di questi quadri sono delle grandissime teste di CZZO.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    10 Novembre 2015 - 14:02

    Non ci si stanca mai di ricordare che Fassino ha il Copyright di ‘Allora, abbiamo una banca’. E poi ci si chiede del perché i Marò sono ancora sotto la scure indiana? La sinistra, ed in modo particolare quella sinistra che si rispecchia in queste cosiddette manifestazione d’arte, odia le divise. E mortalmente i Marò. Nel silenzio assordante delle istituzioni, con il Quirinale in testa.

    Report

    Rispondi

  • Angelalbert

    10 Novembre 2015 - 10:10

    La feccia sinistracciona rappresentata dai compagni di merende al letame che si esibiscono in performances pseudo artistiche squallide e vomitanti come la loro natura suggerisce è stata favoreggiata dall'altro compagno Fassino che ha consentito l'esposizione di quelle infami configurazioni. A parte questo schifo tipico della sinistra, l'altro compagno Renzi cosa aspetta ancora per i Marò?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog