Cerca

La proposta

I comuni vogliono cancellare lo sconto del 30% per i pagamenti delle multe saldate entro i primi 5 giorni

I comuni vogliono cancellare lo sconto del 30% per i pagamenti delle multe saldate entro i primi 5 giorni

La possibilità di pagare le multe con il 30% di sconto se saldate entro cinque giorni potrebbe non esistere più. La volontà di cancellare il seppur piccolo incentivo viene dai comuni. L'Associazione dei Sindaci ha proposto in Senato l'abolizione e una serie di misure che ad hoc per incassare più soldi. Lo sconto dei 5 giorni è in vigore solo da due anni ma sembra destinato ad avere vita breve. Secondo quanto dichiarato da sindaci e amministratori delle casse comunali il decreto varato dal governo Letta è stato un flop. Il motivo sarebbe riconducibile all'aumento del gettito complessivo delle multe perché quando i vigili multano un cittadino tutto finisce nel bilancio del Comune. Non ci finisce, cioè, quello che materialmente i comuni incassano, ma il totale teorico che dovrebbero ottenere se tutti pagassero nei tempi previsti. Una somam teorica che senza quel 30% si alzerebbe consentendo di aumentare il bilancio comunale. Come sempre però, se il Senato dovesse approvare la manovra, a rimetterci saranno i cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    11 Novembre 2015 - 16:04

    comunque va precisata una cosa, anzi una drittata dei comuni: lo sconto non è del 30%, bensì del 20%, perchè non è calcolato sulle spese amministrative, che sono di molto aumentato, tanto non si tiene conto di loro per lo sconto... altra sleale drittata! se viene eliminato lo sconto del 30, rectius 20%, la gente pagherà non più prima di 5 giorni ,bensì dopo 60 giorni

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    11 Novembre 2015 - 07:07

    comuni italiani, usurai e ladri....

    Report

    Rispondi

  • oldpeterjazz

    11 Novembre 2015 - 02:02

    In una nazione civile le multe dovrebbero essere commisurate al valore del veicolo che, nella generalità dei casi, esprime le possibilità economiche del proprietario. Così il divieto di sosta di una panda non dovrebbe essere ammendato come quello di una ferrari. 100 euro per un Balotelli o per un Berlusconi non sono niente, mentre per un operaio sono una bella botta in testa.

    Report

    Rispondi

    • g.conti

      11 Novembre 2015 - 18:06

      La maleducazione non ha ceto è universale.

      Report

      Rispondi

  • allianz

    10 Novembre 2015 - 22:10

    Ricordatevene alle prossime elezioni.

    Report

    Rispondi

blog