Cerca

Il caso

Carcerato con l'accusa di pedofilia vince il primo premio per il concorso di scrittura per favole di bambini

Carcerato con l'accusa di pedofilia vince il primo premio per il concorso di scrittura per favole di bambini

Era stato rinchiuso in carcere per l'accusa di pedofilia ma è riuscito comunque a vincere la prima edizione del premio nazionale per la scrittura di favole per bambini, un concorso destinato a candidati detenuti. L'uomo A.C non ha nascosto la sorpresa: "Sì, è strano che uno come me abbia vinto questo concorso". La giuria non era a conoscenza delle accuse dei carcerati e ha giudicato il suo componimento il più bello tra le decine di opere presentate. Resta il fatto che sono rimasti sbigottiti quando hanno saputo che l'uomo era finito dietro le sbarre per aver mandato delle foto hard tramite Facebook ad una bambina di 13 anni. Un vero e proprio contrappasso quello in cui sono incappati i giudici.

Il racconto vincitore parla della storia tra Popi e Ninni, fratello e sorella che esistono veramente. Una storia ispirata dalla sua vita prima di andare dietro alle sbarre. Il detenuto comunque adesso vuole riscattarsi dopo esser stato, a suo dire, "vittima di un
bruttissimo scivolone che la mia vita mi ha purtroppo riservato". "Ho voluto parlare dei ricordi perché sono l'unica cosa che in questi anni terribili mi hanno tenuto in vita", ha detto fra le lacrime l'uomo accusato di pedofilia, come si legge sul quotidiano La Stampa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • viola52

    11 Novembre 2015 - 18:06

    i giudici sono rimasti sbigottiti??? così imparano a prestarsi a idiozie simili come i concorsi tra carcerati.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    11 Novembre 2015 - 16:04

    Porti pazienza, il carcerato. Prestissimo i PD troveranno qualche diritto anche per i pedofili, ne prenderanno uno mettendolo alla camera, poi ci bombarderanno coi diritti dei poveri pedofili che devono soffrire a causa della Società.

    Report

    Rispondi

blog