Cerca

La ragazza dispersa

"Valeria è morta": l'annuncio del papà del fidanzato

"Valeria è morta": l'annuncio del papà del fidanzato

La telefonata arriva nel cuore della notte a casa dei genitori di Valeria Solesin, la ragazza italiana di 28 anni, di cui non si erano avute notizie dopo la notte degli attentati. Di certo si sa che era al Bataclan con il fidanzato. Il consolato italiano ha comunicato che "Valeria potrebbe essere nella lista della vittime". Ma dalla Farnesina non arrivano conferme, quindi resta un filo di spertanza: "Esiste ancora un margine di dubbio, siamo in cerca di conferme" . Valeria che studiava alla Sorbona di Parigi viveva in Francia da sei anni. "Valeria Solesin è morta nell’attentato al Bataclan", nonostante la Farnesina freni, il papà del fidanzato di Valeria, Corrado
Ravagnani in un'invervista all'Agi dà notizia della morte della ragazza. Il quotidiano Alto Adige afferma che il fidanzato della donna, Andrea Ravagnani, secondo quanto raccontato dalla zia avrebbe chiamato ieri sera a casa a Dro (Trento) dicendo che la morte gli era stata confermata dalle autorità.

L’Alto Adige ricostruisce che venerdì sera Andrea Ravagnani e la sorella Chiara erano al teatro Bataclan con i rispettivi fidanzati; Andrea avrebbe raccontato ai genitori di essere stato leggermente ferito a un orecchio da un proiettile sparato dai terroristi, mentre la sorella e il suo fidanzato, originario di Verona, avrebbero riportato lievi escoriazioni. I tre, dopo il blitz delle forze di sicurezza francesi, si sarebbero messi in salvo, mentre si sarebbero invece perse le tracce di Valeria Solesin.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peppedrago

    15 Novembre 2015 - 12:12

    Lo scopo primario del terrorismo è quello, appunto, di terrorizzare. Il modo migliore quindi per aiutarli è di continuare a pubblicare notizie, in tv, radio e giornali. Più se ne parla, meglio è per loro. Perchè non fate invece una cosa utile? Promuovete un referendum per la pena di morte per i reati di terrorismo. Il resto son chiacchiere inutili. La conta dei morti è grottesca.

    Report

    Rispondi

blog