Cerca

Dopo la strage

E adesso che cosa accadrà? Le risposte dopo la strage di Parigi

E adesso che cosa accadrà? Le risposte dopo la strage di Parigi

E  adesso? Lo sgomento per la ferocia con cui i terroristi hanno agito a Parigi, per i morti, per l’orrore, per la strategia con cui sono stati colpiti luoghi-simboli del tempo libero (musica, sport, caffè)  ci lascia senza parole ma anche con tanti dubbi.  Il quoitidiano La Stampa ha provato, attraverso il direttore  e altri commentatori ad alcune di queste domande. La prima  è: colpiranno ancora? Gianni Riotta sottolinea come la notte di Parigi abbia mostrato tutta le debolezza del sistema di siucrezza francese.  “ I terroristi sono arrivati vicini al presidente Hollande, poi è mancato un piano di controguerriglia efficace e la città è rimasta abbandonata a se stessa. Ogni capitale dovrà ora prepararsi a attacchi coordinati come già a Mumbai 2008, 166 morti: soprattutto Roma durante il Giubileo. Eserciti e polizie non sono abituati a collaborare e dovranno stilare nuove tattiche”. E poi come possiamo reagire?  Per  Riotta, la soluzione  è questa: “Occidente appare vacuo, Isis si rafforza. La guerra sarà lunga, una generazione almeno, servono visione, coraggio, duttilità, diplomazia e armi. Diffidate da panacee pacifiste o guerrafondaie”. Il direttore de La Stampa Mario Calabresi si chiede come cambierà la nostra vita: “Hanno cominciato a toglierci l' ossigeno 14 anni fa, in una mattina di sole di fine estate, quando quattro aerei sequestrati da piloti kamikaze decretarono la fine del nostro modo di viaggiare. Mai più spensieratezza, ma un crescendo di lunghe code, di scarpe e cinture levate, di computer tirati fuori dalle borse e di profumi, schiume da barba e bottigliette d' acqua sequestrate e buttate”.  Nonostante tutto, non bisogna “rinunciare ma continuare a vivere, devi tenere accese le luci e non accettare che vengano spente.  Ma soprattutto dobbiamo avere memoria: in un tempo in cui abbiamo paura di tutto, in cui ci sentiamo deboli e spaventati perché non abbiamo la sicurezza di un futuro di benessere, potrebbe aiutarci ricordare che abbiamo sconfitto il nazismo e a casa nostra anche il terrorismo e che senza piegarci abbiamo ricominciato a vivere”.

Come sconfiggerli - La minaccia continuerà fino a che lo Stato islamico non verrà estirpato. Non saranno i peshmerga curdi o le truppe irachene e milizie iraniane a sloggiare Isis dal territorio che occupano. Avremo bisogno  di alleati. Non ha dubbi Stefano Stefanini sostiene che serve un patto con Mosca, che l’Europa e l'America hanno bisogno di alleati. Scrive: "Sarebbe assurdo pensare di essere in guerra con l' Islam, religione di oltre un miliardo e mezzo di persone, di monarchie mediterranee amiche, come Giordania e Marocco, di grandi Paesi democratici come Pakistan, Indonesia e Turchia. Ma i sopravvissuti di Bataclan non dimenticheranno facilmente il grido degli attentatori mentre premevano il grilletto dei Kalashnikov: Allahu Akbar. Sta all' Islam sconfessarli e condannarli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni modena

    16 Novembre 2015 - 08:08

    e la sig.ra boldrini cosa dice ??? perche non li invita a fare una lezione sulla bonta' dell'islami in parlamento . forsechissa' ci si libererebbe di lei , di renzi e dimolti super stipendiati ...

    Report

    Rispondi

  • routier

    15 Novembre 2015 - 15:03

    Cosa accadrà ? Politicamente la previsione è facile: Una valanga di voti al partito di Marine Le Penn. Se i terroristi islamici volevano questo, (ma ne dubito) ci sono riusciti egregiamente.

    Report

    Rispondi

    • gescon

      15 Novembre 2015 - 17:05

      Forse la tua previsione non è il male peggiore. I buonisti europei che sono tali in quanto fondamentalmente incapaci costituiscono un pericolo maggiore.

      Report

      Rispondi

  • blu_ing

    15 Novembre 2015 - 13:01

    domanda ma dobbiamo preoccuparci io essere grati a Dio per questo? , Dio non è colpevole, ma ameno sapendo quale sarà la nostra fine dobbiamo essere a Lui grati perchè sappiamo che la fine dei nostri giorni è arrivata, e con questo possiamo pentirci e prepararci per il nostro trapasso... potete anche deridermi, fatelo non vi biasimo, ma almeno riflettete a quanto ho detto!!!!

    Report

    Rispondi

blog