Cerca

A 94 anni

Resistenza, morto il partigiano Lonati: sparò lui a Benito Mussolini e Claretta Petacci

Resistenza, morto il partigiano Lonati: sparò lui a Benito Mussolini e Claretta Petacci

È morto l'ex partigiano Bruno Giovanni Lonati, noto durante la Resistenza con il nome di battaglia di "Giacomo", commissario politico della 101a Brigata Garibaldi, che  21 anni fa si assunse la responsabilità di aver fucilato Benito
Mussolini. Lonati è morto nella sua casa di Brescia all'età di 94 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato all'agenzia Adnkronos dalla sua famiglia, dopo il funerale che si è svolto stamani nella chiesa bresciana di Sant'Angela Merici.

Il libro sul Duce - Nel 1994 Lonati pubblicò il libro Quel 28 aprile. Mussolini e Claretta: la verità (Mursia editore) in cui rivelò di essere stato lui ad aver ucciso il dittatore fascista il 28 aprile 1945, poco dopo le ore 11, in una stradina a Bonzanigo di Mezzegra, sul lago di Como, nell'ambito di una missione segreta diretta dall'agente segreto inglese John Maccaroni, detto "il capitano John", ufficiale dello Special Operations Executive (Soe).

La "manina inglese" - La sua testimonianza smentiva la versione ufficiale secondo cui ad uccidere Mussolini fu il partigiano comunista Walter Audisio, nome di battaglia "Colonnello Valerio", con i compagni Michele Moretti e Aldo Lampredi. Lo scopo della missione, nel racconto di Lonati, sarebbe stato quello di impedire la diffusione del contenuto del presunto carteggio tra Winston Churchill e Mussolini, recuperandolo e sopprimendo il Duce e la sua amante Claretta Petacci, perfettamente informata sull'esistenza dei rapporti con lo statista britannico. Il "carteggio Churchill-Mussolini" non poté essere recuperato, ma, dopo aver effettuato alcune foto ai cadaveri, l'agente inglese, avrebbe concordato il silenzio di Lonati e dei due partigiani superstiti per altri 50 anni. Per tale motivo Lonati avrebbe scritto il suo memoriale solo nel 1994. Nel 2002 il giornalista e storico Luciano Garibaldi confermò con nuovi particolari la versione di Lonati pubblicando il libro La pista inglese. Chi uccise Mussolini e la Petacci (Ares).

La vita dopo la guerra - Nato a Legnano il 3 giugno 1921, dal 1936 al 1956 Lonati ha lavorato  alla Franco Tosi; in questo periodo sono compresi il servizio militare e la successiva attività partigiana in Valle Olona e poi a Milano. Fu commissario politico della 101a Brigata Garibaldi e comandante di una divisione partigiana formata da tre brigate operanti nel capoluogo lombardo. Trasferitosi a Torino nel 1958, ha poi ricoperto incarichi dirigenziali alla Fiat. Dopo il 1980 ha diretto a Bari una importante società metalmeccanica; è stato poi consulente industriale e ha scritto diversi libri di carattere tecnico. Dopo la pensione Lonati si stabilì a Brescia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • STEOXXX

    23 Agosto 2016 - 13:01

    il sig renzi non vale lo 0,00000001 di Mussolini !!!!

    Report

    Rispondi

  • STEOXXX

    23 Agosto 2016 - 12:12

    un lurido maiale bastardo di meno !!!!

    Report

    Rispondi

  • seve

    23 Agosto 2016 - 12:12

    sI NOTI CHE SI CHIAMAVA bRUNO ,i molti Bruno ,Bruna, Romano ,Galeazzo , sono tutti figli di voltagabbana , tutta gente che cercava il proprio interesse con la politica . io di questa gente non mi fido e mi fa schifo .Oggi l'Italia è piena di questa fauna ed è un paese in rovina. Che il Demonio non gli dia tregua.

    Report

    Rispondi

  • marco53

    23 Agosto 2016 - 11:11

    Partigiano assassino, brucia all'Inferno nei secoli dei secoli, amen!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog