Cerca

Gelo in volo

Aerei e aria condizionata: dove sedersi per evitare il raffreddore

Se siete di quelli che hanno sempre caldo, il tema è per voi superfluo. Ma per la maggior parte di chi vola, due sono le insidie maggiori a bordo di un aereo (terrorismo a parte, ovviamente). Il cibo che, almeno in classe economica è sempre da tremendo a cattivo, e l'aria condizionata che è quasi sempre troppo forte. In particolare le compagnie del Far East, quelle americane e quelle del Medio Oriente adorano bombardare i loro passeggeri a colpi di aria gelida. Certo, sui voli a medio e lungo raggio ci sono le copertine, che però talvolta mitigano appena l'effetto-frigorifero.

Ci sono poi dei posti a bordo, nei quali fa più freddo che in altri: sono quelli posti proprio sotto la traiettoria delle bocchette dell'aria condizionata. Non quelle personali che si possono aprire e chiudere, ma quelle poste sul soffitto della cabina contro le quali il passeggero nulla può. Il bello è che a ogni modello di aereo, cambia la disposizione della cabina e quindi anche dei fori d'uscita dell'aria.

Sui velivoli a corridoio unico come gli Airbus A320, i Boeing 737 e gli Embraer ERJ, il getto esce da un sifone posto lungo le pareti laterali della cabina appena sotto le cappelliere e spara verso il centro della cabina. Ovvio, quindi, che i posti meno esposti all'aria condizionata siano i posti finestrino, seguiti da quelli al centro, mentre quelli più freddi sono quelli che danno sul corridoio.

Sui velivoli a due corridoi (detti "wide-body" e impiegati soprattutto sui voli a lungo raggio, la situazione varia da modello a modello. Sugli Airbus A330 e A340 i sedili più esposti all'aria sono quelli al centro della cabina, tra i due corridoi, mentre quelli più riparati sono quelli sui lati finestrini. Passando ai Boeing, sui 767 l'aria "spara" invece verso i lati esterni della cabina, per cui i sedili dove fa meno freddo sono quelli al centro della cabina, tra i due corridoi. Discorso inverso sui modelli più recenti, i 777 e 787: lì si sta più al caldo nelle laterali, più vicine ai finestrini, e più al freddo in mezzo, nelle file poste al centro della cabina, tra i due corridoi. L'unico jet widebody a lungo raggio "democratico", dove cioè non ci sono posti più esposti di altri all'aria condizionata, è il Boeing 747-400: lì l'aria defluisce in modo da non investire direttamente determinate file di sedili e la temperatura a bordo è omogenea ovunque.

Un'ultima nota: in caso di cabine divise in più parti lungo la lunghezza dell'aereo, fa mediamente più freddo in quelle poste nella parte posteriore dei velivoli. In coda, come si dice.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog