Cerca

Commemorazione

La lettera di Veronica Panarello al figlio Loris: "Cucciolo di mamma..."

Omicidio Loris, l'accusa di Veronica Panarello:

Un anno senza Loris. Santa Croce Camerina ha voluto ricordare il piccolo ucciso lo scorso novembre con una processione, una canzone e una targa davanti all'aula scolastica.  Nel luogo del ritrovamento del corpo, i biglietti della mamma e del nonno Francesco Panarello. Il quotidiano il Tempo ha riportato le parole della mamma Veronica Panarello accusata di averlo ucciso: "Cucciolo di mamma. Sono passati 12 lunghi interminabili mesi e non passa ora, minuto e attimo in cui penso a quando eravamo felici, a come giocavamo insieme, quando correvi e venivi in braccio a me e tutto felice mi riempivi di baci ed io ti abbracciavo forte forte. La tua mancanza si fa ogni giorno più atroce, non vivo più da quel maledetto 29 novembre...la mia vita ha finito di esistere per sempre. Prego la Madonna, lei che è la nostra mamma, la mamma di tutti gli uomini, di darmi la forza di andare avanti in questo mio calvario e prego soprattutto per te, amore mio, di essere sempre vicino a me, a Diego e al tuo papà.
Ti amo di un bene infinito: la tua mamma!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    08 Dicembre 2015 - 01:01

    un gioco mortale coi ferri del mestiere dell'elettricista, marito della Panarello! di chi è la colpa?trascuratezza del padre?una striscetta zigrinata, la mamma impietrita dal dolore, al suo posto, chi saprebbe aprirla? coi denti, con un coltello, con una seghetta, con un paio di forbici, forse???il tempo tra una inspirazione ed una mancata espirazione!!!

    Report

    Rispondi

  • attualità

    30 Novembre 2015 - 10:10

    Questa non merita di vivere !!

    Report

    Rispondi

blog