Cerca

Parla Lidia D'Angelo

La vedova del pensionato suicida: "Ora temo la controdenuncia di Banca Etruria"

La vedova del pensionato suicida: "Ora temo la controdenuncia di Banca Etruria"

"Un dolore tremendo dopo 51 anni di matrimonio". Raggiunta telefonicamente da Repubblica la signora Lidia D'Angelo, vedova del pensionato che s'è tolto la vita per il crac di Banca Etruria, è distrutta dal dolore, ma dice anche di avere paura. Di cosa? "Della controdenuncia di Banca Etruria. In commissariato mi hanno consigliato cautela. La lettera di m io marito era nel suo computer, l'hanno trovata loro. Ma non è firmata e la banca potrebbe dire che l'ho scritta io che non so neanche come si accende il computer". Nella lettera, riporta sempre Repubblica, è raccontato per filo e per segno il calvario di Luigino D'Angelo. "Oltre al nome del direttore di filiale e dell'addetto titoli, le persone che Luigino denuncia per comportamento scorretto e criminale" denuncia la vedova.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    11 Dicembre 2015 - 16:04

    Stia pure tranquilla che verrà denunciata per diffamazione.Cos'ì oltre ad avere perso la causa,il marito per questi truffatori,e 100.000 euro,si dovrà sobbarcare le spese processuali,e rischierà anche il carcere.Questa è la giustizia di merda che abbiamo.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    11 Dicembre 2015 - 12:12

    bravo ! ma le operazioni sbagliate non le hanno fatte gli impiegati e i direttori delle agenzie che hanno una autonomia molto limitata, bensì i vertici che hanno favorito gli amici i quali dovrebbero rendere conto del loro operato.soprattutto la banca d'italia che ha il controllo del sistema bancarioè colpevole: come ha fatto a non sapere che banche scassate emettevano obbligazioni:cioè cambiali?

    Report

    Rispondi

  • karlettogd

    11 Dicembre 2015 - 08:08

    MA io mi domando se la banca e' fallita lo sara' per operazioni fatte sbagliate, ci sara' pure un responsabile di cio' e che quindi debba rendere conto di quello che ha fatto.

    Report

    Rispondi

  • mariano

    10 Dicembre 2015 - 15:03

    E il Codacons, invece di denunziare per istigazione al suicidio (notizia del TG delle 13), perchè non promuove una azione collettiva nei confronti dei dirigenti della banca e dei funzionari aggredendo iloro stipendi e le loro liquidazioni?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog