Cerca

Clienti fregati

Popolare Etruria, la lettera inviata agli obbligazionisti pochi mesi prima del crac

Popolare Etruria, la lettera inviata agli obbligazionisti pochi mesi prima del crac

Gli obbligazionisti fregati dalla Popolare Etruria, a dicembre 2014, hanno iniziato a ricevere una lettera dal loro istituto: "Gentile cliente (…) il suo portafoglio risulta non adeguato al suo livello di conoscenza ed esperienza finanziaria, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento", e poi l'invito a recarsi in filiale per "verificare la coerenza delle informazioni", riferimento al celebre questionario Mifid sulla propensione al rischio. Per quasi tutti loro quella propensione era bassa, così come doveva esserlo il rischio delle obbligazioni che avevano vendute loro. E invece, con il passare dei mesi, quel rischio è diventato medio e poi alto, all'insaputa degli obbligazionisti. E qui la beffa: come spiega il Corriere della Sera, quella lettera inviata dalla Pop Etruria a pochi mesi dal disastro attuale più che un tentativo di salvare la faccia e, con essa, i propri clienti raggirati sembra proprio un modo per pararsi dal punto di vista legale. Come dire: noi li abbiamo avvertiti. Ma non è andata proprio così, perché l'avvertimento è risultato non solo tardivo, ma inutile. La lettera suggeriva agli obbligazionisti la possibilità di "eventuali interventi sul suo portafoglio", ossia vendere titoli diventati "pericolosi" per rientrare almeno in parte delle cifre investite e perse. Peccato che quelle obbligazioni siano già senza valore e non ci sia praticamente più modo di vendere. "Voleva venderle - racconta al Corsera Marco Festelli di Confconsumatori, avvocato di una cliente - ma le hanno detto che non c'è mercato, comunque di stare tranquilla. Ora sono azzerate. Forse per la banca quelle lettere erano un modo per scongiurare future responsabilità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • js

    12 Dicembre 2015 - 15:03

    Ci prendo per fessi... "e noi paghiamo" !

    Report

    Rispondi

blog