Cerca

Fondo per gli ammortizzatori sociali

Tassa di 2,5 euro: dal 1 gennaio volare costerà di più

Tassa di 2,5 euro: dal 1 gennaio volare costerà di più

Dal 1 gennaio 2016 viaggiare in aereo costerà per tutti un po' di più. Infatti, a giorni si materializzeranno  le conseguenze della legge approvata quasi due anni fa, che farà scattare l'addizionale comunale sui diritti d'imbarco: il balzello di 2,5 euro richiesto ai passeggeri che si imbarcano negli aeroporti italiani (con esclusione dei voli domestici), che quando è stato istituito poco più di dieci anni fa valeva 1 euro, è arrivato nel frattempo a 6,5, con un ulteriore euro in più a Roma che deve finanziare proprie specifiche esigenze. Ora si andrebbe quindi a 9 euro e a 10 nella Capitale.

I proventi dell'incremento sono destinati a finanziare per tre anni (dal 2016 al 2018), per un importo di 184 milioni, il Fondo speciale che garantisce ammortizzatori sociali aggiuntivi ai lavoratori del trasporto aereo (come quelli coinvolti nelle varie crisi di Alitalia). La mossa, secondo Assaeroporti, "rischia di deprimere ulteriormente lo sviluppo del turismo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    19 Dicembre 2015 - 16:04

    Una gran massa di pirla insiste nell'affermare la riduzione delle tasse ad opera di Cicciobello.

    Report

    Rispondi

blog