Cerca

Via dal carcere

Processo Yara, gli avvocati chiedono i domiciliari per Bossetti

8
Processo Yara, gli avvocati chiedono i domiciliari per Bossetti

E' tempo di colpi di scena al processo in corso a Bergamo per l'omicidio di Yara Gambirasio, la tredicenne scomparsa a Brembate la sera del 26 novembre 2013 e poi trovata morta in un campo alcune settimane dopo. L'altro giorno Massimo Bossetti, che è alla sbarra per omicidio, dopo decine di udienze trascorse senza aprire bocca, è scattato in piedi e si è messo a urlare quando uno dei testimoni chiamati dalla procura ha rivelato che lui aveva espresso l'intenzione di suicidarsi a causa di problemi con la moglie marita. E oggi, gli avvocati del muratore di Mapello hanno fatto richiesta che il loro assistito possa godere degli arresti domiciliari in attesa della sentenza di primo grado. La custodia cautelare in carcere può essere revocata a favore di quella domiciliare se il giudice del tribunale della libertà ritiene che non sussistano pericoli di fuga, di reiterazione del reato e di inquinamento delle prove.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FGreggMeagher

    27 Dicembre 2015 - 21:09

    Inquinamento della prove? Ma va! L'unica che sta giocando con gli indizi e fabbricando i video falsi ecc. è quelli della diciamo 'Giustizia'!

    Report

    Rispondi

  • gian paolo

    21 Dicembre 2015 - 19:07

    Sarebbe ora !

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    21 Dicembre 2015 - 16:04

    Tra 3 mesi "Bossetti ibero". Io già sto pensando a CHI pagherà i danni procurati dalla magistratura ed inquirenti per la contorta conduzione di questo caso. Mettiamo le mani avanti: sequestriamo tutto a chi si è occupato del caso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media