Cerca

I consigli

Boom di furti e rapine a Natale e Capodanno. Il decalogo per farsi furbi: le regole

Boom di furti e rapine a Natale e Capodanno. Il decalogo per farsi furbi: le regole

Natale e Capodanno, da sempre, rappresentano momenti ideali per indurre i ladri ad agire sia in esercizi commerciali, abitazioni, capannoni incustoditi che in rete. Anche Internet, infatti e oramai, rappresenta una piazza ideale per rubare identità e carpire informazioni utili per aggirare gli ostacoli. Ogni anno si registrano 230 mila furti in appartamento* con un danno medio per le vittime pari a 4.400 euro. Secondo dati del Censis (Febbraio 2015) negli ultimi dieci anni i furti in casa sono più che raddoppiati, passando dai 110.887 denunciati nel 2004 ai 251.422 del 2013, con una crescita del 126,7%. Solo nell'ultimo anno l'incremento è stato del 5,9%. È un aumento molto più accentuato rispetto all'andamento del numero totale dei reati (+19,6% nel periodo 2004-2013) e dei furti nel complesso (+6%), e in controtendenza rispetto all'andamento dei furti di autoveicoli (-32,2%) e degli omicidi (-29,7%).

Dove - Le province più colpite sono Asti, Pavia e Torino, ma il fenomeno è in forte crescita anche a Milano (+229% tra il 2004 e il 2013), Firenze (+177%), Roma (+120%) e Bologna (+104%). La zona d'Italia più soggette restano il Nord-Ovest, dove nell'ultimo anno i furti in abitazione sono stati 92.100, aumentati del 151% nel decennio. Oltre il 20% dei furti denunciati è avvenuto in tre province: Milano (19.214 reati), Torino (16.207) e Roma (15.779). “In questo periodo dell’anno i nostri servizi di vigilanza e di intervento sono più che mai attivi - specifica Maurizio Tondi, VP Strategy & Operations Axitea - La nostra società, direttamente presente su 24 province e sul resto del territorio italiano attraverso la rete dei Partner, vanta un portafoglio di 32 mila clienti. Il periodo natalizio è da sempre uno dei momenti di massima allerta e di grande lavoro da parte delle Centrali Operative, per questo motivo solitamente lanciamo per i nostri Clienti la campagna Natale Sicuro e suggeriamo un breve Decalogo operativo per far fronte a questa emergenza”.

Il decalogo - Evitare di trascorrere giornate spiacevoli nei giorni festivi è comunque possibile, basta seguire poche e semplici regole:

  1. Non dimenticare le chiavi nella serratura, non lasciarle incustodite in nascondigli considerati sicuri (ad esempio vaso delle piante accanto all’ingresso o sotto lo zerbino…un classico).
  2. Mantenere un’adeguata illuminazione degli accessi esterni ed interni. La luce scoraggia i malviventi, che correrebbero il rischio di essere scoperti dai vicini di casa. È possibile installare sensori fotosensibili in grado di attivarsi al bisogno.
  3. Chiedere ai vicini o ai parenti di ritirare periodicamente le giacenze di posta dalla cassetta. L’equazione è: posta accumulata uguale casa non abitata.
  4. Prestare attenzione a tutto ciò che può sembrare “anomalo” come auto e furgoni parcheggiati nelle vicinanze delle abitazioni o individui sospetti; spesso l’atto criminoso è preceduto da un’attività di osservazione delle nostre abitudini da parte dei malintenzionati.
  5. Non comunicare il periodo di assenza su social network, mail personali o segreterie telefoniche, né a presunte società di servizi che chiedono la disponibilità e la nostra presenza in casa (ad esempio la consegna di regali e premi vari).
  6. Attivare un servizio di vigilanza privata che assicuri un intervento sul posto da parte di una Guardia Giurata armata, evitando di installare sistemi fai-da-te che generano falsi allarmi, e affiggere cartelli “area sottoposta a vigilanza” che si rivelano efficaci deterrenti.
  7. Abbinare ai sistemi di sicurezza e ai servizi di monitoraggio allarme alcuni accorgimenti per una “sicurezza passiva”, ad esempio porte blindate e/o inferriate.
  8. Riporre in cassaforte oggetti di valore e non lasciarli incustoditi in casa.
  9. Controllare gli ingressi più delicati, come retri o garage che danno accesso diretto all’abitazione: verificare che tubature di scolo vicino a finestre o balconi e ponteggi, non possano essere utilizzati dai malintenzionati.
  10. Valutare gli altri pericoli che possono mettere a rischio una casa. Ad esempio, un corto circuito può scatenare un incendio: rilevatori ad hoc possono essere collegati a società di sicurezza per individuare situazioni di pericolo e reagire di conseguenza.

Internet - Inoltre il web, la navigazione in internet, i social network e la mail possono rappresentare minacce per la nostra sicurezza; furti di identità, truffe e l’utilizzo criminoso di informazioni esposte sui social mettono a rischio la riservatezza e l’integrità dei nostri dati. Uno scenario in cui è necessario essere sempre allerta, durante tutte le operazioni (come aprire la propria casella email, scaricare file, effettuare pagamenti online, etc). E’ necessario quindi munirsi di adeguati strumenti di protezione come firewall e antivirus, evitare di aprire mail dal contenuto sospetto sia sul pc che sui dispositivi mobili (smartphone e tablet), fornire le proprie credenziali di accesso a chiunque, lasciare dati su dispositivi usb e mantenere livelli di attenzione adeguati sia in ambito virtuale che fisico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • me nono

    25 Dicembre 2015 - 14:02

    Angelino mi ha personalmente garantito che ncontrollerà casa mia in mia assenza. Pertanto sono tranquillo, oh se sono tranquillo, anzi supertranquillissimo.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    25 Dicembre 2015 - 12:12

    Bisogna avere paura dei veri ladro, quelli che ci governano, che rubano senza effrazioni a casa tua! Conbtro questi ladri per ora c'è una sola arma: il voto!

    Report

    Rispondi

blog