Cerca

Lettera-memoriale

Alberto Stasi scrive dal carcere: "Io come Tortora, vittima di un processo mediatico"

Alberto Stasi scrive dal carcere:

"Io come Tortora, sono vittima di un processo mediatico". Alberto Stasi scrive una lettera-memoriale dal carcere di Bollate, dove ha iniziato a scontare la pena definitiva di 16 anni per l'omicidio della sua fidanzata Chiara Poggi, avvenuto il 13 agosto 2007. Sei facciate di fogli protocollo, scritte in stampatello, e inviate al Quotidiano Nazionale lo scorso 14 dicembre. Il commercialista, 32 anni, non si definisce un carcerato ma un "prigioniero": "Mi sembra che in casi come il mio si voglia a tutti i costi consegnare un colpevole all'opinione pubblica - scrive -, senza però preoccuparsi se colui che viene indicato come tale sia effettivamente il colpevole e non una vittima di errate decisioni e aspettative". La sentenza, secondo Stasi, era già stata scritta dai giornali e dai media, che avrebbero così condizionato le sentenze dei giudici.

"Io come Sacco, Vanzetti e Tortora" - Stasi parla di "perniciosa spettacolarizzazione", citando il commento del procuratore generale in Cassazione: "I fatti e le carte hanno sempre provato la mia innocenza e le nuove perizie fatte l'anno scorso avevano rafforzato questa verità - prosegue -. Questo era il processo; io ho sempre saputo di essere innocente. Non nascondo di avere temuto l'assurdo epilogo che oggi sto vivendo, visto l'incomprensibile iter processuale che ho dovuto vivere". E poi il paragone che farà discutere: "In situazioni come queste, le persone vengono esibite come trofei alzati al cielo dopo una vittoria. È sempre stato così e sempre sarà, da Sacco e Vanzetti a Tortora". 

"Non siamo in uno Stato di diritto" - "Questi otto anni - conclude - mi hanno lasciato moltissime cose che mi porterò sempre dentro: la perdita di Chiara, con cui avrei voluto una vita insieme, la morte di mio padre, che è sempre stato al mio fianco, le tante difficoltà e ingiustizie, non ultimo l' allontanamento da mia mamma, che ora si ritrova da sola. Però in questi giorni tra tutti i miei pensieri ne prevale uno: un forte dubbio di non vivere in uno Stato di diritto". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog