Cerca

Paura sisma

Allarme terremoto in una regione italiana
Sciame di scosse, la decisione drastica

Allarme terremoto in una regione italianaSciame di scosse, la decisione drastica

Paura a Campobasso a causa di una lunga serie di scosse di terremoto, 25 in poco più di 12 ore. La più forte alle 19.55 di sabato, con magnitudo 4.3 ed epicentro a Baranello. Avvertita dalla popolazione, non ha fortunatamente causato danni. L'ultima registrata dall'Ingv, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è stata alle 6.37 di domenica mattina, con magnitudo 2.7.  
Il governatore del Molise Paolo Frattura segue personalmente la situazione dopo le scosse di terremoto in provincia di Campobassoe si trova nella sala operativa della Protezione Civile regionale a Campochiaro. "Stiamo monitorando la situazione costantemente - afferma - e al momento non abbiamo notizie di danni a persone o cose".

La decisione - "Le prime verifiche - aggiunge Frattura - sono concluse, abbiamo sentito i sindaci e le forze dell'ordine nei comuni che si trovano nel raggio di 10 km dall'epicentro". Il governatore ha invitato i primi cittadini a valutare la possibilità di chiusura degli edifici scolasticiper la giornata di lunedì ."E' una sollecitazione condivisa - spiega - con il nostro sevizio di Protezione Civile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    18 Gennaio 2016 - 06:06

    Fino a che la placca scivola sotto l'altra senza problemi non succede nulla.Se poi si accumula energia c'è il botto.Meglio che tutto ciò avvenga sotto a montecitorio,visto che tra un po il senato serve come un pisciatoio in città.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    17 Gennaio 2016 - 22:10

    La frattura quello ce l'ha nel cervello! Chiudere le scuole per un giorno non serve ad altro che a rendere più ignoranti gli studenti. Non si può prevedere dove, come e quando si verificherà un terremoto, quindi potrebbe verificarsi martedì, cioè quando riaprono le scuole, come mai. L'unica soluzione è quella di fare come in Giappone: tutti edifici antisismici.

    Report

    Rispondi

blog