Cerca

Il Pontefice

Telefonata al killer, Francesco colpisce ancora: l'ultima incredibile chiamata

Pietro maso

Il Papa più telefonico di tutti colpisce ancora: Francesco ha chiamato Pietro Maso. "Ho scritto una lettera al Papa in cui mi scusavo per quello che ho fatto 25 anni fa e pregavo per la pace. Dopo qualche giorno ha suonato il telefono: Sono Francesco, Papa Francesco. Ora dedicherò la mia vita agli altri", ha spiegato al settimanale Chi in edicola da mercoledì 20 gennaio. Maso, il 17 aprile 1991, massacrò i genitori aiutato da tre complici: è stato in carcere 22 anni. Sulla telefonata, racconta: "Erano le dieci del mattino e suona il telefono. Ero con Stefania, la mia compagna, rispondo e sento il Pontefice. Preso dall'emozione dico ad alta voce: Santità. Era il 2013 - prosegue nel racconto. Gli avevo scritto una lettera: Chiedo scusa per quello che ho fatto, chiedo preghiere per i miei colleghi di lavoro che mi hanno accettato nonostante quello che ho fatto, chiedo una preghiera per chi opera per la pace". La lettera fu consegnata al Papa da Don Guido Todeschini, che Maso definisce "il mio padre spirituale". In carcere, infatti, Maso ha avviato un prcesso di avvicinamento alla fede.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Baliano

    Baliano

    15 Febbraio 2016 - 18:06

    In Vaticano "smentiscono" di tutto e di più, è la prassi.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    19 Gennaio 2016 - 16:04

    caro santo papa, questo signorino ha condannato "all'ergastolo eterno " i propri genitori, che avevano tutto il diritto di vivere.mi dispiace non sono caritatevole come lei ma x me questo tizio non sarebbe più uscito da galera e con i soldi che avrà ereditato dai genitori si sarebbe dovuto mantenere, altro che chiedere perdono e rifarsi una vita.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    19 Gennaio 2016 - 16:04

    caro santo papa, questo signorino ha condannato "all'ergastolo eterno " i propri genitori, che avevano tutto il diritto di vivere.mi dispiace non sono caritatevole come lei ma x me questo tizio non sarebbe più uscito da galera e con i soldi che avrà ereditato dai genitori si sarebbe dovuto mantenere, altro che chiedere perdono e rifarsi una vita.

    Report

    Rispondi

  • pastello

    19 Gennaio 2016 - 16:04

    Santità? Ma per favore....

    Report

    Rispondi

    • cicalino

      22 Gennaio 2016 - 00:12

      In Vaticano la notizia di questa telefonata col criminale è stata smentita....

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog