Cerca

In caso di eruzione

Vesuvio, aggiornata la mappa del rischio: nella zona gialla 63 Comuni

Vesuvio, aggiornata la mappa del rischio: nella zona gialla 63 Comuni

Mezza Napoli entra ufficialmente nella mappa del rischio Vesuvio. Dopo l’aggiornamento della zona rossa più vicina al cratere è stata infatti definita anche la più vasta zona gialla, che comprende 63 Comuni delle provincie di Napoli e Salerno, nonché l’area est del capoluogo. Ieri la direttiva è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale per diventare operativa. Oltre un milione di persone saranno interessate dai provvedimenti della Protezione Civile, in caso di escalation del rischio vulcanico. Le comunità residenti all’interno della zona rossa, come si sa, dovranno prepararsi all’eventualità, per il momento del tutto remota, di una fuga in massa dall’area vulcanica e di temporaneo trasferimento nelle regioni gemellate di tutta Italia. Conseguenze decisamente più lievi (ricaduta di materiale piroclastico, colonne di cenere alimentate dal vento, piogge acide) potrebbero invece colpire il vastissimo territorio delineato dalla zona gialla. Per questi Comuni sarà necessaria l’adozione di specifiche misure di salvaguardia per la popolazione, con strategie operative diversificate e attuabili in maniera dinamica sul territorio al momento dell’emergenza. L’area interessata dalla ricaduta di materiale piroclastico, infatti, durante l’eruzione con valori di carico elevati non è individuabile preventivamente, ma solo a evento in corso quando saranno note le reali condizioni eruttive e la direzione del vento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • onollov35

    01 Marzo 2016 - 19:07

    per tizi04. Attenzione che spifferare certi auguri può causare una cattiveria tale dei Napoletani e venirti a cercare anche se sei pseudo. Ricordati che la cattiveria chiama altra cattiveria da fartelo profondo come la bocca del Vesuvio.

    Report

    Rispondi

  • mik2mauro

    22 Gennaio 2016 - 16:04

    Non posso far altro che augurare a questo "tizio" dieci, cento Vesuvi, o magari qualche altra catastrofe in modo da poter dimostrare al popolo napoletano come si reagisce in questi casi, senza fare sceneggiate!

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    22 Gennaio 2016 - 12:12

    questo e' l'ennesima scusa per prendersi altri soldi dallo stato. Vesuvio (ti prego in ginocchio) quando deciderai di eruttare, devi farlo con una esplosione senza preavviso, non dare i tempo di sgomberare l'area. Deve essere un flash, altrimenti poi avremo la sceneggiata napoletana per almeno 20 anni. che dico 20 per sempre! senza contare le spese per la ricostruzione ecc ecc.. Mi raccomando !!!

    Report

    Rispondi

blog