Cerca

Il papà della ministra

Banca Etruria, Pier Luigi Boschi rischia un'accusa per bancarotta fraudolenta

Banca Etruria, Pier Luigi Boschi rischia un'accusa per bancarotta fraudolenta

Già indagato (e poi archiviato) per estorsione turbativa d'asta nel 2010, il papà del ministro delle riforme Pier Luigi Boschi rischia ora una accusa gravissima in merito alla vicenda di Banca Etruria, che lo vede coinvolto in qualità di ex vicepresidente dell'istituto di credito: bancarotta fraudolenta. Per sapere se sarà così, scrive il quotidiano "Il Giornale", bisognerà attendere il prossimo 6 febbraio, quando il collegio fallimentare si riunirà e certificherà lo stato di insolvenza della banca. Allora si saprà se Pier Luigi Boschi sarà o no iscritto nel registro degli indagati. Dopo quella data le carte finiranno in procura e Rossi dovrà aprire un fascicolo contro gli ex vertici dell' istituto, compreso Boschi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    23 Gennaio 2016 - 17:05

    E va bene che sarà mai? ci penserà chi di dovere a dire che non e successo nulla, sia sulla Banca e sia nelle altre vicende Indagato e poi archiviato! dove sta il problema queste sono tutte persone per bene, quelle che non sono per bene sono chi sono stati RAPINATI perchè soldi ne avevano messi poco, e sono anche arrabbiati perché da persone per bene non possono perdere tempo! IxxxxI DxxxxxxxxxxI!

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    23 Gennaio 2016 - 17:05

    E va bene che sarà mai? ci penserà chi di dovere a dire che non e successo nulla, sia sulla Banca e sia nelle altre vicende Indagato e poi archiviato! dove sta il problema queste sono tutte persone per bene, quelle che non sono per bene sono chi sono stati RAPINATI perchè soldi ne avevano messi poco, e sono anche arrabbiati perché da persone per bene non possono perdere tempo! IxxxxI DxxxxxxxxxxI!

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    23 Gennaio 2016 - 16:04

    Per sapere se sarà così, scrive il quotidiano "Il Giornale", bisognerà attendere il prossimo 6 febbraio, Il tempo giusto per intervenire politicamente sia da parte di Renzi che tutto il club toscano (aggiungi Verdini) e far sparire le prove. Vedrete come tutto si risolverà in fumo. I "ladri" del PD hanno grandi poteri occulti che si sradicano solo in una maniera . . .

    Report

    Rispondi

  • babbone

    23 Gennaio 2016 - 16:04

    non succederà niente anzi verrà risarcito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog