Cerca

Polemica

Gesto drastico del prete anti-islam: cosa ha fatto all'islamica morta

Don Angelo Chizzolini

Un fatto che sta facendo discutere. Nel paese in cui è avvenuto, e non solo. Ci troviamo ad Arnasco, il piccolo paese dell’entroterra di Albenga, provincia di Savona, dove sabato scorso sono morte cinque persone nel crollo di una palazzina per una fuga di gas. E ad Arnasco, il don Angelo Chizzolini, parroco del paese, ha deciso di non benedire la salma di una donna morta di religione islamica. È avvenuto venerdì pomeriggio nella chiesa di Nostra Signora dell'Assunta, dove la comunità si è riunita per i funerali di Dino Andrei, 76 anni, e di sua moglie Aicha Bellamoudden, 56 anni, la cui salma, come detto, non è stata benedetta. Sul caso è intervenuto il sindaco di Arnasco, Alfredino Gallizia, che interpellato dall'AdnKronos ha spiegato: "Non ha benedetto la salma e non ha meznionato la donna né sul sagrato, né in chiesa né al cimitero. L’ho commemorata io, nel mio discorso, ricordando che Arnasco  è un paese accogliente per tutti". 

Scontate le polemiche per il gesto del parroco. Ma da par suo, Don Angelo Chizzolini, sempre raggiunto dal Corsera si difende. "Se sono pentito? Assolutamente no. Era impossibile benedire quella salma, era islamica: lo impone il condice di diritto canonico". Quando gli si ricorda che la donna aveva iniziato il percorso di conversione prima della improvvisa morte, taglia corto: "Non ho niente da aggiungere. Chiedete al vescovo Borghetti. Buona serata".

La donna, come accennato, aveva intrapreso un percorso di conversione e di avvicinamento alla religione cattolica, anche se non era ancora stata battezzata. Per questa ragione il vescovo aveva permesso che il funerale della donna fosse celebrato nella chiesa della Nostra Signora dell’Assunta insieme al marito. "Me lo aveva chiesto la famiglia della vittima — spiega al Corriere della Sera monsignor Borghetti —. Anche se a rigore non sarebbe stato possibile, ho autorizzato lo stesso il funerale come atto di distensione, di accoglienza. Mi è sembrato un gesto bello in questo periodo di difficile convivenza. Io stesso il giorno prima avevo pregato con i familiari e benedetto tutte le vittime. E avevo suggerito a don Angelo un po’ di buonsenso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vivaio

    26 Gennaio 2016 - 04:04

    Questo è un prete di merda

    Report

    Rispondi

  • teodoragin

    25 Gennaio 2016 - 17:05

    D'accordo con Marilena R.; inoltre la reciprocità diritti-doveri non esiste, dunque di che cosa stiamo a discutere? Vien voglia di rimandarli a casa, tutti!

    Report

    Rispondi

  • bcsw.05

    23 Gennaio 2016 - 20:08

    Se i preti fossero tutti come Don Angelo le chiese sarebbero ancora piene.

    Report

    Rispondi

    • teodoragin

      25 Gennaio 2016 - 21:09

      sìììì, di catto-musulmani! (musulmani con una sola S, please).

      Report

      Rispondi

  • Karl Oscar

    23 Gennaio 2016 - 17:05

    E ora,secondo don Angelo,la mussulmana andrà nell'inferno giù giù:Poveretto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog