Cerca

Nel padovano

Sparò e uccise il ladro: tabaccaio deve 325mila euro ai parenti

Sparò e uccise il ladro: tabaccaio deve 325mila euro ai parenti

Una notte di quasi tre anni fa, la vita di Franco Birolo, 47 anni, è cambiata per sempre. Svegliato dal tonfo dei vetri fracassati della sua tabaccheria, sopra la quale aveva l'abitazione, il 47enne di Correzzola nel padovano era sceso di corsa in negozio armato di una pistola calibro 9 regolarmente detenuta e denunciata. Vedendo i ladri che stavano facendo razzie, aveva fatto fuoco, colpendo e uccidendo un ventenne di nazionalità moldava, mentre i complici si davano alla fuga. Rinviato a giudizio per omicidio volontario, è ora stato condannato a due anni e otto mesi di carcere, che non sconterà in carcere, visto che la condanna è stata alla fine per eccesso colposo di legittima difesa. Ma i familiari della vittima si erano costituiti parte civile contro di lui e il giudice di Padova Beatrice Bergamasco ha disposto che mamma e sorella della vittima dovranno essere risarcite. La somma riconosciutagli è di quelle da coccolone: 325mila euro, che il povero tabaccaio dovrà pagare per essere stato rapinato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beppebari

    01 Febbraio 2016 - 21:09

    Il giudice s'è comportato secondo legge. Il tabaccaio rapinato ha sparato alle spalle al rapinatore. Spero comunque si faccia una colletta per non far andare sul lastrico il tabaccaio..

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      22 Aprile 2016 - 00:12

      Io ci sto per la colletta, vorrei sapere come fa il giudice a sapere in quel frattempo anche se dopo rapinati vorrei sapere chi rimane calmo e sereno, sarebbe da portarlo in un manicomio perché restare impassibile e davvero difficile per uno che si alza al mattino per lavorare sia per lui la sua famiglia e lo stato che vuole la fetta più grande, al ladro chi glie lha detto di andare a RUBARE?

      Report

      Rispondi

  • binariciuto

    30 Gennaio 2016 - 17:05

    Possibile che non esista alcun mezzo (legale) contro questa giudichessa che ha messo sul lastrico una famiglia per bene a favore di un delinquente e parenti amorosi?

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    30 Gennaio 2016 - 12:12

    Cambiamo l art 1 della costituzione:l Italia è un paese di merda governata da gente di merda

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Gennaio 2016 - 12:12

    Mi sembra equo! Come gli è venuto in mente di difendersi? Doveva lasciarsi derubare, magari anche picchiare.......Ecco l'esempio calzante per dimostrare che tutte le chiacchiere renziane sono e rimangono bubbole. La realtà è diversa dal sogno elettorale che Matteo sta cercando di costruire.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti