Cerca

Respinta la richiesta degli avvocati

Massimo Bossetti, per la decima volta no ai domiciliari

Massimo Bossetti, per la decima volta no ai domiciliari

Rimane in carcere Massimo Bossetti, imputato per l'omicidio di Yara Gambirasio. I giudici del tribunale del Riesame di Brescia hanno respinto al richiesta dei suoi legali di porre il muratore agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico. È la decima volta che i giudici respingono una richiesta di scarcerazione del muratore in carcere dal 14 giugno del 2014 per l'omicidio della tredicenne bergamasca. Gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini contestano il pericolo di reiterazione del reato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    19 Febbraio 2016 - 17:05

    ben fatto.

    Report

    Rispondi

  • libero14

    31 Gennaio 2016 - 18:06

    Ridicoli - Probabilmente Bossetti è oggi il volto più conosciuto e riconoscibile in Italia ma potrebbe "reiterare" per di più con braccialetto elettronico ? Magistrati : Andate a confessarvi e ritiratevi poi in un convento trappista (obbligo di silenzio). – (2° invio)

    Report

    Rispondi

  • luiss_sm

    31 Gennaio 2016 - 16:04

    Stanno lavorando per un suicidio assistito!!!!!!! Di tutte le cose che non vanno in Italia, il sistema giudiziario è quello che spaventa di più in quanto nessuno è in grado di contrastare l'onnipotenza dei giudici, che possono andare anche contro le leggi impunemente.

    Report

    Rispondi

  • antonio75

    31 Gennaio 2016 - 14:02

    Basta leggere i discorsi che hanno fatto all'anno giudiziario .Fanno politica invece di applicare le leggi e diminuirsi gli stipendi abnorme in un momento di grande crisi. Basta giudici e procuratore in Cassazione senza aver fatto un concorso .oggi si va per anzianità non per meriti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti