Cerca

Il caso

Il padre di Cucchi-choc, in un video la nuova verità: cosa pensava di suo figlio

Il video choc del padre di Cucchi: non è stato ucciso dai carabinieri

Dopo le intercettazioni del maresciallo Roberto Mandolini, indagato per falsa testimonianza nel caso Cucchi - "Quando abbiamo chiesto alla madre di Cucchi di mettere un avvocato di fiducia, ci ha risposto che non avrebbero speso altri soldi per quel delinquente del figlio, che poteva andare a fare il barbone per strada" - esce un'altra clamorosa rivelazione. Questa volta riguarda il padre di Stefano secondo il quale il figlio non sarebbe "vittima" dei carabinieri ma della mano di qualcun altro che lo avrebbe ammazzato nell'ottobre 2009, per imperizia o dolo.

Come riportato dal Tempo, che cita il quotidiano online Sostenitori delle forze dell'ordineGiovanni Cucchi parla in un video realizzato nel 2009 ed "escluderebbe categoricamente che suo figlio, il giorno del processo per direttissima presentasse ferite, segni di percosse, o addirittura dolori da far pensare alla rottura di costole". Questo documento sarà depositato e acquisito dal gip nei prossimi giorni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miraldo

    02 Febbraio 2016 - 19:07

    La sorella menefreghista per ora si è già incassata un milione e 400 mila euro dall'ospedale e ora vuole spillare soldi anche agli agenti.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    02 Febbraio 2016 - 19:07

    apposta i familiari di Cucchi hanno montato la colpa sui carabinieri per poi spillare soldi allo Stato. Scemi li hanno pure accontentati. Non era la prima volta che questo giovane arrivava al pronto soccorso più morto che vivo dopo essere stato pestato a sangue dai suoi amici drogati. E' accaduto che dopo l'ennesima volta il fisico non ha retto e le conseguenze di un pestaggio si manifestano dopo

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    02 Febbraio 2016 - 19:07

    apposta i familiari di Cucchi hanno montato la colpa sui carabinieri per poi spillare soldi allo Stato. Scemi li hanno pure accontentati. Non era la prima volta che questo giovane arrivava al pronto soccorso più vivo che morto dopo essere stato pestato a sangue dai suoi amici drogati. E' accaduto che dopo l'ennesima volta il fisico non ha retto e le conseguenze di un pestaggio si manifestano dopo

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    02 Febbraio 2016 - 18:06

    chi gli ha fatto cambiare idea è ben noto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog