Cerca

Vescovi in campo

Bagnasco e la Cei "auspicano" il voto segreto sul Ddl Cirinnà

Bagnasco e la Cei "auspicano" il voto segreto sul Ddl Cirinnà

"Ci auguriamo tutti che il dibattito in Parlamento e nelle varie sedi istituzionali sia ampiamente democratico e tutti possano esprimersi ed essere considerate le loro obiezioni e che la libertà di coscienza di ciascuno su temi così delicati e fondamentali per la vita della società e delle persone sia non solo rispettata ma anche promossa con  una votazione a scrutinio segreto". È il commento del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, a proposito dell'iter parlamentare in atto sul ddl Cirinnà sulle unioni civili e le coppie di fatto. "Mi pare normale che sia il regolamento del Senato a stabilire quando c'è o non c'è il ricorso al voto segreto. Fa parte delle prerogative del Presidente del Senato e sarebbe bene che tutti rispettassero queste prerogative in maniera assoluta. Nessuno deve tirare per la giacchetta il presidente Grasso", ha ribattuto Ivan Scalfarotto, deputato Pd e sottosegretario al ministero delle Riforme Costituzionali e Rapporti con il Parlamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kufu

    12 Febbraio 2016 - 19:07

    Bagnasco "auspica" (o meglio vuole) il voto segreto sulle unioni civili e al contempo, "per rispetto delle vittime" dice, nessun obbligo di sporgere denuncia da parte delle vittime di pedofili. Ma non si vergogna???? Pensi al cristianesimo e non interferisca sulla Repubblica Italiana.

    Report

    Rispondi

  • L'infeltrato

    12 Febbraio 2016 - 11:11

    Abolire la chiesa e mandare il clero a lavorare, la lezione della rivoluzione francese è stata dimenticata troppo in fretta

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    12 Febbraio 2016 - 09:09

    Non dovrebbe pensare al voto segreto , ma di rifiutarsi anche di donare sacramenti a i Gay , non meritano niente dalla chiesa .... se li condannate li dovete condannare a vita ,.. Nella bibbia c'e' scritto rispetta il padre e la madre ... no' 2 padri e non 2 madri... come figli di gay sei gia' un peccatore a vita,

    Report

    Rispondi

  • rocc

    12 Febbraio 2016 - 08:08

    non apprezzo molto il cardinal Bagnasco, ma stavolta debbo dire che ha ragione; Grasso, da buon sinistro, non accetta il voto segreto

    Report

    Rispondi

    • tristano.libero

      12 Febbraio 2016 - 14:02

      Ha ragione un par di palle ! Perché i precetti della Chiesa debbono diventare leggi dello Stato ? E perché i peccati per i cattolici debbono diventare reati per tutti gli italiani ?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog