Cerca

A Roccaraso

Dramma in classe, il tragico destino di Christian morto tra i compagni così

Dramma in classe, il tragico destino di Christian morto tra i compagni così

Una morte assurda, incredibile, quella di Christian Lombardozzi, un ragazzo di neanche 17 anni, che ha perso la vita a scuola, cadendo dalla sedia: "Mancava un quarto d'ora alla fine della lezione", racconta al Giorno Lino Di Meo, suo insegnante all'istituto alberghiero di Roccaraso, in provincia dell'Aquila: "Ero alla lavagna con un'alunna quando ho sentito un tonfo e i ragazzi che ridevano: mi sono girato e ho visto Christian per terra con la testa fra la sedia, il banco e il muro. Respirava a fatica, aveva il viso bianco. Ho cercato di rianimarlo, ma quando sono arrivati i soccorsi, il tracciato cardiaco era ormai piatto".

La Procura di Sulmona ha aperto un fascicolo, al momento senza indagati, e disposto l'autopsia. Da un primo sopralluogo è emerso che due sedie in plastica non erano a norma e che su una di queste la stessa vittima era stata protagonista di un'altra caduta. "I ragazzi mi hanno raccontato di averlo visto che si dondolava poi ad un certo punto ha perso l'equilibrio ed è caduto rimanendo incastrato tra il banco e il termosifone". L'insegnante ha subito capito che "la situazione era molto grave: prima che arrivassero i soccorsi il suo cuore si è fermato 2-3 volte". Secondo i primi rilievi esterni sul corpo lo studente si sarebbe procurato la frattura del tratto cervicale con conseguente arresto respiratorio e collasso cardiaco. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    13 Febbraio 2016 - 15:03

    neppure il didietro della vittima era a norma: non ci si può dondolare sulla sedia. Dispiace che i ragazzi non pensino alle conseguenze di certi gesti e addirittura perdono la vita.

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    13 Febbraio 2016 - 13:01

    vivere e´dura morire un attimo , per una banle diversione sulla sedia . ora la magistratura solerte e rapida metera´in galera la SEDIA

    Report

    Rispondi

blog