Cerca

L'analisi

L'obiettivo del complotto anti-Italia:
Renzi? No, si punta più in alto

10
L'obiettivo del complotto anti-Italia:Renzi? No, si punta più in alto

Non è Matteo Renzi ma  la vittima del complotto ai danni dell'Europa. In un retroscena su Il Fatto Quotidiano si spiega come il presunto trappolone che Mario Monti e Giorgio Napolitano starebbero tessendo ai danni del premier esattamente come quello di cui fu vittima Berlusconi nel 2011 in realtà non esiste. O meglio, in tentativo di complotto esiste ma non contro il presidente del consiglio.Secondo quanto scrive Stefano Feltri sul quotidiano di Padellaro, il partito filotedesco contro la politica del bazooka del presidente Bce è tornato alla carica. "Se un Paese spende troppo, aumenta il deficit e mette a rischio la propria solvibilità nel lungo periodo, sono i mercati a punirlo facendo salire il costo del suo debito fino a spingerlo a rinsavire (o al default). A meno che non ci sia una banca centrale a tenere basso il costo".  Il ragionamento è proprio questo: la leva per disinnescare Draghi è attribuire un rischio ai titoli di Stato nei bilanci delle banche, costringendo quindi a tenere un cuscinetto di capitale per le possibili perdite. O fissando un limite a quanti titoli governativi si possono detenere, o  attribuendo un valore scontato rispetto a quello nominale in base alla probabilità di insolvenza dello Stato che li emette. In questo modo l'effetto di Mario Draghi verrebbe neutralizzato perché i rendimenti del debito italiano salirebbero e "tornerebbero sensibili  agli umori degli investitori". Renzi intende mettere il veto su queste modifiche. Ma in consiglio europeo serve l'unanimità....

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigin54

    21 Febbraio 2016 - 06:06

    la regola + semplice che applico è non comperare + materiale tedesco di nessun genere.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Febbraio 2016 - 15:03

    Renzi? Ma a chi gliene frega niente di Renzi. Noi, come nazione, non contiamo nulla e il parolaio toscano, che al momento ci rappresenta, conta meno di un peto di Frau Merkel. E' inutile che Matteo continui a ciarlare, facendo finta di contrastare la UE, lo sanno tutti, tranne i fessi, che la sua è solo una pantomima a sfondo elettorale. Nella realtà siamo un paese subordinato e tale rimaniamo!

    Report

    Rispondi

  • nellomaceo

    20 Febbraio 2016 - 15:03

    Non ci sono rimedi per la situazione economica italiana.L'unica via è USCIRE DALL'EURO per riprenderci il LAVORO e favorire gli investimenti in ITALIA.La formula è questa ma la CUPOLA UE vuole solo assoggettarci sempre di più alle BANCHE,alla BORSA ed ai loro loschi affari(vedi sede fiscali della FIAT).la mafia dell'antimafia è troppo forte e solo il sangue della ribellione può liberarci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media