Cerca

Addio

Lutto gravissimo nella cultura: addio a Umberto Eco

Lutto gravissimo nella cultura:addio a Umberto Eco

All’età di 84 anni è morto ieri alle 22,30 nella sua abitazione Umberto Eco. La conferma della scomparsa dello scrittore, autore di celebri libri, tra cui Il nome della Rosa e Il pendolo di Foucault, solo per citare alcuni dei suoi maggiori successi letterari, è stata data dalla famiglia al quotidiano La Repubblica. Eco, scrittore, filosofo, esperto di comunicazione e media, era nato ad Alessandria il 5 gennaio del 1932. Tra le sue ultime opere letterarie ’Numero zerò, pubblicato lo scorso anno. Nella sua lunga carriera, Eco è stato autore di numerosi saggi di semiotica, filosofia del linguaggio, testi di linguistica e filosofia e fine cultore del Medioevo.

La carriera Con la morte di Umberto Eco il mondo della cultura, anche internazionale, perde una delle figure di maggiore importanza. Filosofo e semiologo, fine cultore del Medioevo, padre della semiotica interpretativa, ma anche saggista e professore emerito dell’Università di Bologna. Eco iniziò a interessarsi all’influenza dei mass media nella cultura di massa a partire dalla fine degli anni ’50. Nel 1988 fondò il Dipartimento della Comunicazione dell’Università di San Marino. Dal 2008 era professore emerito e presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna. Dal 12 novembre 2010 Umberto Eco diventa socio  dell’Accademia dei Lincei, per la classe di Scienze Morali, Storiche e Filosofiche. Figlio di un negoziante, Eco conseguì la maturità al liceo classico «Giovanni Plana» di Alessandria, sua città natale. In gioventù fu impegnato nella Giac (l’allora ramo giovanile dell’Azione Cattolica) e nei primi anni cinquanta fu chiamato tra i responsabili nazionali del movimento studentesco dell’Ac. Nel 1954 abbandonò l’incarico in polemica con Luigi Gedda. Si Laurea in filosofia nel 1954 all’Università di Torino con Luigi Pareyson con una tesi sull’estetica di San Tommaso d’Aquino iniziò a interessarsi di filosofia e cultura medievale, campo d’indagine mai più abbandonato, anche se successivamente e per lunghi anni si dedicò allo studio semiotico della cultura popolare contemporanea e all’indagine critica sullo sperimentalismo letterario e artistico. Nel 1956 pubblicò il suo primo libro, un’estensione della sua tesi di laurea dal titolo Il problema estetico in San Tommaso. 

Le lauree - Ma è lunga e molto importante la lista dei suoi lavori. Tra i maggiori: nel 1963 pubblica un libro che è diventato nel tempo un classico Diario minimo (Mondadori), volume che raccoglie saggi come Fenomenologia di Mike Bongiorno e Elogio di Franti. E ancora, Apocalittici e integrati (Bompiani) del 1964, altro classico La struttura assente (Bompiani, 1968). Ma la celebrità a livello mondiale arriverà nel 1980 con Il nome della rosa. Un romanzo che farà riscoprire all’Italia e poi al mondo intero, attraverso la  formula del giallo, dell’intrigo, del mistero, il meraviglioso mondo medievale. Eco vincerà il Premio Strega nel 1981 e numerosi riconoscimenti a livello internazionale. Dopo pubblica "Il pendolo di Foucault’ (1981), ’L’isola del giorno prima (1994),Baudolino (2000). Fino al più recente Numero zero. Nella sua lunga carriera, nel 1954 vince un concorso della Rai per l’assunzione di telecronisti e nuovi funzionari. Con Eco entrarono anche Furio Colombo e Gianni Vattimo. Dal 1959 al 1975 fu condirettore editoriale della casa editrice Bompiani. Nel 1962 pubblicò il saggio ’Opera apertà che ebbe notevole risonanza a livello internazionale e diede le basi teoriche al Gruppo 63, movimento d’avanguardia letterario e artistico italiano. Nel 1961 iniziò anche la sua carriera universitaria che lo portò a tenere corsi, in qualità di professore incaricato, in diverse università italiane: Torino, Milano, Firenze, infine, Bologna dove ha ottenuto la cattedra di Semiotica nel 1975, diventando professore ordinario. All’università di Bologna è stato direttore dell’Istituto di Comunicazione e spettacolo del Dams, poi ha dato inizio al Corso di Laurea inScienze della comunicazione. Infine è divenuto Presidente della Scuola Superiore di Scienze Umanistiche che coordina l’attività dei dottorati bolognesi del settore umanistico. Nel corso degli anni ha insegnato anche in varie  università straniere tra cui UC-San Diego, New York University, Columbia University, Yale, College de France, Ecole Normale Superieure. Nell’ottobre 2007 si è ritirato dall’insegnamento per limiti di età. In tutta la sua lunga carriera Eco ha ricevuto 40 lauree honoris causa da università europee e americane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rintintin

    20 Febbraio 2016 - 18:06

    ha dato più lustro Modugno che sto tizio altezzoso....non lo rimpiangerò di certo

    Report

    Rispondi

  • Franzkeks

    20 Febbraio 2016 - 14:02

    @Maria Giordano @Riccardo Cecchini: due capre. Sì, la sinistra ha il monopolio della cultura marxista e del linguaggio incomprensibile alla Umberto Eco. La destra purtroppo è passiva e resta sempre sul concreto: la malattia opposta che si chiama pragmatismo.

    Report

    Rispondi

    • wilegio

      wilegio

      20 Febbraio 2016 - 17:05

      Beh, allora io amo il pragmatismo (dal greco pragmatikòs: che riguarda i fatti) . Per me le chiacchiere stanno a zero e sarebbe ora di incominciare a "fare" veramente qualcosa. Un mio illustre corregionale diceva sempre "fatti, non pugnette". Quella che lei chiama una malattia, per me è una grande virtù: stare sul concreto, sui fatti.

      Report

      Rispondi

  • blu_ing

    20 Febbraio 2016 - 14:02

    Un altro ateo come benedetto croce all inferno. Si terranno compagnia per l eternità con le loro inutili pippe mentali

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    20 Febbraio 2016 - 14:02

    40 lauree. Si paga nulla? No allora sommergetemi di lauree. Ho le pareti dello scantinato vuote.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog