Cerca

Il caso dell'anno

Gabriele tenta il suicidio in carcere. Sua madre infierisce: la frase-choc

I mille volti di Gabriele, killer playboyCosì la prof è caduta nella sua rete

Ha tentato il suicidio in carcere Gabriele Defilippi, il 22enne accusato di aver ucciso la sua professoressa, Gloria Rosboch, proprio nel giorno del funerale della donna a Castellamonte, in provincia di Torino. Secondo il suo avvocato, Pierfranco Bertolino, Defilippi avrebbe: "forti disturbi della personalità, una sofferenza psichica dovuta a quando Roberto Obert, amico di famiglia, lo violentò non ancora 16enne".

L'omicidio - Defilippi si è dimostrato finora un abilissimo trasformista, prima travestito da donna, poi da uomo, secondo le accuse sarebbe riuscito a truffare la sua professoressa, ormai invaghita per lui, per poi ucciderla e gettarla in un pozzo. A guidare le sue mosse ci sarebbe stato Obert, anche se nella cassetta di sicurezza dell'uomo sarebbero stati trovati pochi soldi. Tutti i sospetti si concentrerebbero quindi su Defilippi, abbandonato anche dalla madre, detenuta anche lei per l'omicidio.

La madre - Caterina Abbatista non vuole più sentir parlare del figlio, così come nessun familiare del ragazzo: "Non voglio vederlo mai più - avrebbe detto al suo avvocato, Matteo Grognardi - mi fa paura, mi picchiava". Il mistero da chiarire per gli inquirenti resta il legame con la fidanzata di suo figlio Gabriele, scomparsa ormai da due settimane, quando è partita per andare a trovare dei parenti in Marocco. La Procura vuole sentirla come persona informata sui fatti, tutti comunque la scagionano, a partire dal padre, fino al suo fidanzato Gabriele: "La voce della dottoressa De Martino - cioè la fantomatica direttrice di banca che aveva parlato al telefono con la Rosboch - era quelle di una tossica di San Giusto - avrebe assicurato il ragazzo - Sofia e mia madre non ne sapevano niente". In un primo momento, però, Defilippi aveva sostenuto di aver fatto quella telefonata in prima persona, ma anche su questo ha ritrattato la sua versione. E non smette di dichiararsi innocente, scaricando tutta la responsabilità dell'omicidio su Obert.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    26 Febbraio 2016 - 11:11

    Si vede che a prenderlo in quel posto gli si è allargata la mente...in senso purtroppo negativo.Certo che a 22 anni essere già con l'indole del perfetto truffatore/seduttore e riuscire a fare di queste cose,vuol dire che a 50 anni sarà ancora peggio.Chiudetelo in cella e buttate via la chiave.E' estremamente pericoloso.Ne ha già accoppata una.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    26 Febbraio 2016 - 08:08

    Quando vogliono suicidarsi davvero ci riescono. Nessuna pietà.

    Report

    Rispondi

  • nocomment

    25 Febbraio 2016 - 18:06

    ma ha solo tentato?? è una farsa anche questa, è una merda

    Report

    Rispondi

blog