Cerca

Previsioni

Meteo, allarme rosso e paura in Italia. Occhio: cosa succede questa notte

Meteo, allarme rosso e paura in Italia. Occhio: cosa succede questa notte

L’annunciata intensa perturbazione di origine atlantica continuerà a interessare la nostra penisola, apportando una fase di marcato maltempo che estenderà le precipitazioni più intense al nord, anche a carattere nevoso, e localmente al centro; prevista, inoltre, un’intensa ventilazione su gran parte delle regioni, specie quelle centro-meridionali. Il Dipartimento della protezione civile, sulla base delle previsioni disponibili e d’intesa con le Regioni coinvolte - alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che segue ed estende quello diffuso ieri.

Allerta per l’alta marea su livelli eccezionali prevista a Venezia per la notte tra domenica 28 e lunedì 29 febbraio. Il Centro previsioni maree conferma la stima di un picco di 140 centimetri sul medio mare per 1.30, anche se stasera i tecnici
confidano in un miglioramento, che dovrà tuttavia essere confermato nelle prossime ore, data la situazione meteo molto dinamica. All’origine della previsione c’è l’arrivo di un vortice depressionario sul Tirreno, con forti piogge, capace di creare venti di scirocco sull’Adriatico, la situazione "perfetta", in senso negativo, per l’acqua alta a Venezia.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del paese, potrebbero determinare altre criticità idrogeologiche e idrauliche. L’avviso prevede il persistere delle nevicate sul Piemonte, con apporti al suolo generalmente abbondanti; dal pomeriggio di oggi previste inoltre nevicate diffuse sopra i 700-800 metri sulla Valle d’Aosta e, dal mattino di domani sul Friuli Venezia Giulia, con apporti al suolo generalmente abbondanti. Previste, inoltre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, dalla serata odierna su Piemonte e Friuli Venezia Giulia, in estensione nella giornata di domani ad Abruzzo e Molise, specie sui settori occidentali.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. L’avviso prevede infine, dalle prime ore di domani venti forti orientali, con raffiche fino a burrasca, su Piemonte, Lombardia e Friuli Venezia Giulia; venti forti meridionali, con rinforzi fino a burrasca forte, su Toscana, Marche, Umbria, e su tutte le regioni meridionali, con mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani allerta arancione per rischio idraulico diffuso in Veneto sui bacini Po di Venezia-Tartaro; in Emilia, sulle pianura di Bologna e Ferrara, e di Modena e Reggio Emilia; su parte della Toscana meridionale e in Umbria sul bacino del Chiani Paglia. L’allerta è invece arancione per rischio idrogeologico localizzato sulla Liguria, sull’Oltrepò pavese in Lombardia e sul Veneto e l’Emilia occidentali, nonchè sui restanti settori della Toscana e dell’Umbria. Allerta gialla, idraulica e idrogelogica, sulla quasi totalità del restante territorio nazionale, isole comprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog