Cerca

Timori fondati

Terrore sismico, sciame in Italia: "Occhio, le 3 zone da allarme rosso"

Terrore sismico, sciame in Italia:

Una doppia scossa di terremoto a Roma più un piccolo sisma nella provincia: mercoledì è stata una giornata di paura nel Lazio, con scosse di magnitudo 2.5, 2.2 e 2.0 ed epicentri a una profondità di circa 10 chilometri. Nessun danno, ma molta paura. Non si tratta di eventi sismici forti, ma il timore, ora, è che lo sciame prosegue e, magari, con peggiore intensità. Il Lazio infatti è una regione a rischio sismico. In particolare alucune aree, come quelle in prossimità dell'arco appenninico.

Il segretario dell'Ordine dei Geologi del Lazio, Tiziano Guida, interpellato da Il Tempo spiega: "La piana di Guidonia amplifica le onde sismiche. I terreni nel sottosuolo, infatti, sono composti da depositi lacustri, più granulari. Gli effetti dei terremoti non dipendono solo dalla forza del sisma, ma anche dall'assetto geologico e geomorfologico dell'area, che può determinare i cosiddetti effetti di sito, ovvero il terreno può reagire in modo diverso alle scosse a seconda della sua composizione".

Altre zone ad alto rischio sismico, sono quelle più vicine all'Abruzzo. Dunque altri Comuni a "debole intensità sismica", nella provincia di Latina e nella zona costiera della provincia di Viterbo. Al contrario il rischio aumenta nella zona dei Colli Albani e nelle zone orientali delle province di Rieti e Frosinone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kufu

    03 Marzo 2016 - 12:12

    C'è il terremoto a Roma da che Salvini ha sfiduciato Bertolaso a candidato sindaco, proprio Bertolaso che di terremoti se ne intende

    Report

    Rispondi

  • kufu

    03 Marzo 2016 - 12:12

    E perchè a Roma no?!? Da che Salvini ha sfiduciato Bertolaco a candidato Sindaco, cè un vero terremoto

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    03 Marzo 2016 - 09:09

    ma al parlamento e al senato no!!! che peccato speriamo per la prossima volta.

    Report

    Rispondi

blog