Cerca

Cassazione

Fumo passivo, la Rai condannata a risarcire ex conduttrice del Tg3

Fumo passivo, la Rai condannata a risarcire ex conduttrice del Tg3

In Rai si fumava belli tranquilli. E nessuno veniva multato, nel peggior menefreghismo verso le leggi contro il fumo sul luogo di lavoro. Per questo, accogliendo quando disposto dalla Corte d'appello di Roma, la Corte di Cassazione ha confermato la condanna inflitta alla televisione di Stato e il risarcimento da 32mila euro più interessi riconosciuto a Maria Pinnizzotto, giornalista ora in pensione ed ex conduttrice del Tg3. I giudici supremi hanno riconosciuto alla Pinnizzotto i danni biologici e morali causati dal fumo passivo. In base alle perizie svolte sia in primo che in secondo grado, era emersa «la riconducibilita’ eziologica della patologia riscontrata a carico della lavoratrice alle condizioni di lavoro, ravvisando un danno biologico pari al 15%, con conseguente risarcimento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    04 Marzo 2016 - 07:07

    Mi sembra giusto vietare il fumo anche per la strada. Non c'e' niente di piu' molesto del fumo che ti viene addosso dalla sigaretta altrui. Soprattutto d' inverno quando ll freddo condensa il fumo e ti entra nelle narici.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    04 Marzo 2016 - 07:07

    Quello che mi rattrista che coloro che hanno effettivamente fatto il danno se ne scorrazzano liberamente mentre noi popolo bue paghiamo per loro. Come sempre, questo è il paese dei furbi e vincono coloro che maggiormente si comportano illegalmente , intanto sono protetti dai politici del momento.

    Report

    Rispondi

blog