Cerca

Il caso

Tutta la verità della bellissima ex di Gabriele: la prof, sua madre e l'amichetto, cosa so

Tutta la verità della bellissima ex di Gabriele: la prof, sua madre e l'amichetto, cosa so

"Una sera Gabriele sconvolto e ubriaco mi disse che era rovinato per via della truffa e che Roberto Obert e sua madre insistevano che l'unica soluzione era far sparire Gloria". E' quando avrebbe raccontato agli inquirenti Sofia Sabhou, la giovane amica marocchina di Gabriele Defilippi, l'ex allievo di Gloria Rosboch, l'insegnante scomparsa lo scorso 13 gennaio a Castellamonte e trovata senza vita due settimane fa in una discarica nei boschi di Rivara.

La giovane è stata sentita nei giorni scorsi, di ritorno dal Marocco dove si era recata per una breve vacanza, presentandosi spontaneamente davanti agli inquirenti e ascoltata come persona informata sui fatti. Le frasi di Gabriele risalirebbero a qualche giorno prima del delitto. Una testimonianza quella della giovane, che il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha depositato in occasione dell'udienza davanti al tribunale del riesame chiamato ad esprimersi sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai legali di Caterina Abbattista, la mamma di Gabriele, anche lei in carcere come il figlio e l'amico di questi, Obert, per l'omicidio della professoressa. Le decisione è attesa per lunedì.

La donna, infermiera a Ivrea, ha sempre raccontato che il 13 gennaio scorso, giorno in cui Gloria Rosboch fu fatta salire sull'auto sulla quale si trovavano Gabriele e Roberto e quindi strangolata, si trovava al lavoro in ospedale, ma le sue affermazioni non troverebbero conferma nei riscontri tecnici fatti dagli inquirenti. Al tribunale del riesame il procuratore Ferrando ha anche consegnato un'altra testimonianza, quello del figlio tredicenne della donna, anche lui ascoltato nei giorni scorsi dagli inquirenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    06 Marzo 2016 - 14:02

    per dare una ripulita da queste bestie che uccidono persone come fossero insetti per rapinarli ci vorrebbe la pena di morte.

    Report

    Rispondi

blog