Cerca

Il caso

Pietro Maso "impacchettato" in ospedale. Cosa è successo con il prete

Pietro Maso

Pietro Maso è stato ricoverato in una clinica psichiatrica nel veronese, la Santa Giuliana, da giovedì 3 marzo dopo "un episodio - si legge invece su l'Arena-, i cui contorni risultano ancora da chiarire, in cui avrebbe manifestato turbe della personalità e squilibri mentali".

In particolare, Maso sarebbe stato visto a Cerna, probabilmente alla ricerca di un colloquio con don Guido Todeschini, il suo ex padre spirituale che lo ha sempre aiutato negli anni del carcere. E da lì sarebbe partito l'intervento che lo ha portato al ricovero in una clinica, secondo il quotidiano veronese.

Pietro Maso, 44 anni, ha terminato di scontare la sua pena (22 anni dei 30 di condanna) nel 2013 per avere massacrato il 17 aprile 1991 insieme con alcuni amici complici, i genitori a colpi di pentole. Recentemente era stato denunciato dalle sorelle, poi messe sotto scorta per le minacce ricevute. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doberman

    05 Marzo 2016 - 20:08

    Ma che recupero.......è un fallimento totale .

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    05 Marzo 2016 - 16:04

    Tenetelo sotto osservazione in cella per i prossimi 50 anni,,,poi ne riparliamo !!

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    05 Marzo 2016 - 15:03

    Deve restare chiuso in manicomio a vita sorvegliato a vista.

    Report

    Rispondi

  • rosamarghe

    05 Marzo 2016 - 14:02

    Ecco come funziona in Italia! Il Maso ormai e' chiaro che sta fuori ed e' pure pericoloso, non era certo soggetto che puo' tornare in liberta' dopo quello che e' stato capace di fare....ma quando mai in questo paese siamo stati capaci di prevenire qualcosa, piuttosto aspettiamo che ci scappi il morto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti