Cerca

La decisione dei giudici

Infermiera killer, la sentenza durissima. Ecco quanto rimarrà in carcere

Infermiera killer, la sentenza durissima. Ecco quanto rimarrà in carcere

Ergastolo: questa la sentenza emessa dalla Corte d’Assise di Ravenna, dopo circa otto ore di camera di consiglio, nei confronti di Daniela Poggiali, l’ex infermiera di 44 anni di Lugo di Romagna accusata di aver ucciso la paziente di 78 anni Rosa Calderoni la mattina dell’8 aprile 2014, a poche ore dal ricovero all’ospedale ’Umberto Ì di Lugo, con l’iniezione di due fiale di potassio. Non è stato invece accolta la richiesta del pubblico ministero in relazione all’isolamento diurno per anni 1 e mesi 6 nei confronti dell’imputata, presente in aula al momento della sentenza. Esclusi solo i motivi abbietti. «Si tratta di un atto di giustizia - commentano a caldo gli avvocati Valentina Fussi e Mauro Brighi, parte civile per il collegio degli infermieri Ipasvi - che almeno per ora chiude un doloroso capitolo». L’imputata è stata anche condannata al risarcimento danni da liquidarsi in sede civile. «È stata riconosciuta la gravità del fatto commesso - commenta Maria Grazia Russo, parte civile per la figlia di Rosa Calderoni - Dopo due anni, questa sentenza che dà soddisfazione alle parti civili, ha dato un senso liberatorio». «Una sentenza giusta, un riconoscimento di giustizia consolante - commenta l’altro legale della famiglia, Marco Martines, che tutela il figlio maschio della Calderoni - è un bel giorno, su questa terra i figli della signora Calderoni ha sentito di poter toccare con mano la giustizia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    12 Marzo 2016 - 08:08

    Di tempo per ridere ne avrà davanti una vita.....Chiusa in una apposita stanza

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    11 Marzo 2016 - 22:10

    Non è di Lugo: lavorava a Lugo, ma lei è Faentina. A parte questo, non ci credo che abbia fatto quello di cui l'accusano, selfie a parte. e' avvilente vedere pluriomicidi che hanno lucidamente sterminato la famiglia uscire dopo pochi anni ed ereditare il patrimonio. Non è una giustizia giusta, questa.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    11 Marzo 2016 - 21:09

    Adesso riderà di meno...

    Report

    Rispondi

blog