Cerca

Bella vita, eh?

Voragine in bilancio, eppure l'Inps... Lo scandalo: a chi paga le vacanze

Voragine in bilancio, eppure l'Inps... Lo scandalo: a chi paga le vacanze

L'Inps ha i conti in rosso ma paga le vacanze all'estero ai figli dei dipendenti degli statali. Uno scandalo svelato da Il Giornale, che parla di ben 35mila casi. Si tratta di 22mila studenti che seguiranno corsi estivi di lingua all'estero e di altri 12mila che, invece, si "accontenteranno" di vacanze in Italia.

Si tratta dell'iniziativa "Estate InpSieme", ovvero la vacanza finanziata con i soldi della previdenza: un'offerta rivolta esclusivamente ai figli di lavoratori pubblici, attivi o in pensione. Una sorta di residuato bellico di uno Stato sociale a dir poco "generoso" con le nuove generazioni.

L'iniziativa prima si chiamava "Valore vacanza", ed era un "must" dell'Inpdap, l'istituto previdenziale che nel 2012 è stato inglobato dall'Inps (con tutte le sue perdite). E la fusione nel mondo pubblico non ha cambiato le abitudini: le vacanze pagate per i giovincelli sono restate.

Nel dettaglio, l'offerta è rivolta agli studenti delle scuole secondarie superiori. I soggiorni si effettuano tra Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Germania e Spagna. A spese dell'Inps l'aereo, il trasferimento dall'aeroporto, il corso, il collage, vitto e assicurazione per un massimo di 2.400 euro per soggiorni di 15 giorni e di 4mila euro per quelli di quattro settimane.

Tutto bene? Non proprio, perché stiamo parlando di una gestione, quella dei pubblici dipendenti, che ha problemi di bilancio e non riesce a stare in piedi da sola. Infatti il rosso dell'Inps, oggi, sfiora i 13 miliardi di euro. Le vacanze dei loro figli, i dipendenti pubblici, farebbero meglio a pagarsele di tasca propria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ndpugliese

    15 Aprile 2016 - 13:01

    Le vacanze dei figli dei dipendenti statali non sono niente rispetto allo scandalo accertato dal senato e certificato dallo stesso ministro Poletti sui patronati!!! Leggetevi le conclusioni dei lavori della Commissione d'indagine costituita presso il Senato. I confederali falsificano le statistiche dei loro patronati per incassare più soldi ( si parla di una truffa di 40 milioni annui ) coi quali finanziano le attività delle case madri. E sapete da dove provengono i finanziamenti !?!? Dal fondo INPS!!!! Da chi versa i contributi. Ci si chiede che fa la procura della repubblica di Roma.

    Report

    Rispondi

  • pitolin

    04 Aprile 2016 - 02:02

    massimo!! Non facciamo confusioni! Spiegateci come l'INPS può dare 91 mila euro lorde di pensione al mese! E se questo boero l'ha scoperto adesso, quelli che l'hanno preceduto non l'hanno mai denunciato?! E questi sono i presidenti della nostra INPS.....Il boero di turno vuol dire anche che i pensionati devono morire prima per risanare i crimini dei ladri, incompetenti e "deficienti" che lo govern

    Report

    Rispondi

  • Ndpugliese

    03 Aprile 2016 - 22:10

    .....e paga 400 milioni all'anno ai sindacati grazie ai fondi INPS. Il tutto senza controlli, ispezioni sull'attività svolta dai patronati sindacali, praticamente a scatola chiusa ......sulla fiducia. E poi tagliamo ai pensionati! Il sistema è marcio.

    Report

    Rispondi

  • ettorevita

    13 Marzo 2016 - 22:10

    L'INPS paga agli statali anche - cure termali ai pensionati ex inpdap, cosa non concessa agli assicurati inps; - soggiorni in case di cura, anche a Roma, dove gli statali sono ospitati con poche centinaia di euro mentre un comune mortale ne dovrebbe pagare migliaia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog