Cerca

Una vicenda sconvolgente

Truffati i genitori dei bimbi col cancro: l'orrore (italiano) della finta oncologa

Finta oncologa truffava i genitori dei ragazzini malati per lucrare sui farmaci: denunciata

Lucrava prescrivendo dei farmaci con un costo tre, quattro volte superiore all'effettivo. Una donna si spacciava per medico specialista di un noto ospedale pediatrico di Roma e in questa veste prescriveva inutili e costose terapie a bambini e malati di tumore. Smascherata dalla Polizia di Stato è stataenunciata per esercizio abusivo della professione e truffa. L'indagine è iniziata a seguito della denuncia di una donna, mamma di un bambino di appena due anni con un deficit immunitario, al quale il falso medico aveva prescritto una costosissima medicina a base di gocce, facendosela pagare 900 euro.

La scoperta di una mamma - La mamma però aveva scoperto su internet che il farmaco era somministrabile solo per via endovenosa e non per via orale come indicato dal medico. Quindi ha telefonato alla direzione medica dell'ospedale dove la presunta dottoressa è risultata sconosciuta. Immediata la denuncia alla Polizia presso gli uffici del Commissariato Prenestino, diretto da Mauro Baroni. Gli inquirenti hanno dunque indagato presso la Federazione dell'Ordine dei medici dove si è chiarito che la 40enne non era tra gli iscritti e che quindi non poteva esercitare la professione. I locali in uso alla falsa oncologa sono stati perquisiti e vi sono stati sequestrati una borsa da medico contenente attrezzatura sanitaria ed una serie di documenti falsificati, quali uno statino paga con intestazione dell' ospedale, un'attestazione del ministro della Sanita', una relazione sanitaria a firma di un noto immunologo.

Gli altri casi - Si sono scoperti i casi di altri "pazienti". Tra questi, un uomo di 48 anni, malato di cancro: ha raccontato che nell'anno 2010 era entrato in contatto con la "dottoressa" che gli aveva fatto somministrare un farmaco antitumorale, pagato 6.000 euro e importato in Italia a mezzo di canali riservati dalla Svizzera, millantando l'aiuto di un noto professore. In un altro caso invece, una donna si era rivolta alla truffatrice per problemi urologici del figlio ma, dopo aver pagato ad un prezzo altissimo la terapia prescrittale, su indicazioni di una vera struttura sanitaria, che poi ha preso in cura il piccolo, aveva deciso di non somministrarla. Indagini sono ancora in corso, anche fuori dalla provincia, e nei prossimi giorni gli investigatori ascolteranno altre persone, probabili vittime della criminale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    23 Marzo 2016 - 12:12

    Questo è uno dei casi, assolutamente speciali, dove l'impalamento sulla pubblica piazza, dovrebbe essere obbligatorio....

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    23 Marzo 2016 - 12:12

    Ma questo succede soltanto in Italia che, una infermiera lavora in un'Ospedale senza essere assunta.

    Report

    Rispondi

  • principino1

    22 Marzo 2016 - 15:03

    Killer e marco antonelli prima di commentare dovrebbero leggere l'articolo. La truffatrice si spacciava per medico. L'ospedale non poteve né doveva fare niente.

    Report

    Rispondi

    • blues188

      23 Marzo 2016 - 12:12

      Quindi secondo lei può entrare qualsiasi persona e bastando affermare di essere medico e poi si può lavorare con assoluta tranquillità? Urca, domani ci provo anch'io.

      Report

      Rispondi

  • fausta73

    22 Marzo 2016 - 15:03

    Che disgraziata. mettere a rischio la vita di bambini!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog