Cerca

La relazione

Il documento segreto di tre pagine sull'allarme attentati in Italia

Il documento segreto di tre pagine  sull'allarme attentati in Italia

Anche in Italia ci sono "cellule strutturate". Non solo lupi solitari. Cellule che potrebbero entrare in azione e tra gli obiettivi non ci sono solo città d'arte, Roma e Milano. Ma anche la Rete dell'alta velocità. I treni. L'allarme è scritto nero su bianco in una relazione riservata di tre pagine che il direttore del Dipartimento di coordinamento dei servizi segreti, come scrive il Corriere della Sera, ha inviato la scorsa settimana al Copasir. Il documento è molto dettagliato ed è il risultato di numerose segnalazioni delle inchieste condotte dall'Antiterrorismo della polizia e dai carabinieri del Ros su persone che hanno aderito all'Isis. Sono stati intensificati i controlli nelle aree di ingresso delle stazioni e degli aeroporti.

L'allarme - I "filtri" non riguardano solo chi si mette in viaggio e supera le barriere, ma i controlli delle forze dell'ordine e i soldi devono riguardare tutti coloro che entrano negli scali. L'Italia, anche se non partecipa direttamente alle operazioni militari contro l'Isis, ha messo a disposizione un aereo cisterna in Iraq e ha inviato del contingente a Mosul. C'è un altro preoccupante dettaglio: giorni fa sui siti Jihadisti è stato pubblicato un video di oltre quattro minuti su attentati e decapitazioni di ostaggi che mostrava il volto del premier Matteo Renzi e del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e questo, come scrive Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera è un ulteriore messaggio che ha messo in allarme la nostra intelligence, 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ampar

    23 Marzo 2016 - 14:02

    Renzi e Gentiloni, sono quelli che stanno pagando l'isis perché non facciano gli attentati in Italia?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    23 Marzo 2016 - 12:12

    Sono basito nel leggere che i rapporti segreti degli 007 sono stampati in prima pagina. Vuol dire che di segreto non c'è niente anzi se si va avanti scopriremo, visto il comportamento, di Renzi, Alfano e Boldrini, potrebbero essere dei jihadisti ormai da anni radicati nel nostro Paese, come tutta la sinistra viste certe aperture. I tre ci porteranno al disastro completo.

    Report

    Rispondi