Cerca

La novità

Autovelox, arriva quello fantasma. Nuovo incubo: multe a raffica

Autovelox, arriva quello fantasma. Nuovo incubo: multe a raffica

L'ultima idea per bastonare gli automobilisti arriva dal comune di Maniago, in provincia di Pordenone, e rischia di diventare il nuovo incubo degli italiani. Non bastavano gli autovelox piazzati nei punti strategici delle città o quelli con gli appostamenti della polizia municipale in quei tratti dove è facile che l'acceleratore venga premuto un po' oltre il limite per fare multe a strascico. Adesso arriva il "bidon velox" che appare e scompare a piacimento, un giorno è dietro un albero, il giorno dopo non c'è più, con buona pace della sanità mentale di chi guida. Al Gazzettino gli amministratori di Maniago si dicono certi degli effetti positivi sulla sicurezza stradale: "Il meccanismo è il medesimo degli altri bidoni arancioni, soltanto che l'effetto deterrenza dovrebbe essere ancora maggiore perché sfrutta il fattore sorpresa e, quindi, impone la massima attenzione al rispetto costante dei limiti di velocità, non sapendo dove potrà essere posizionato. Il dispositivo può essere spostato dalla pattuglia di turno che lo allestisce e si procede con multe immediate".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • noinciucio

    08 Aprile 2016 - 13:01

    L'incubo è per chi non rispetta il limite di velocità!

    Report

    Rispondi

  • oldpeterjazz

    08 Aprile 2016 - 04:04

    L'idea sarebbe accettabile se i limiti di velocità fossero definiti in maniera veramente ragionevole. Se invece, come avviene fino ad ora, i limiti sono spesso assurdi, e imposti chiaramente soltanto per rubare denaro, la faccenda è un po' diversa.

    Report

    Rispondi

  • gescon

    07 Aprile 2016 - 23:11

    Certezza del diritto, trasparenza nei rapporti, servizio ai cittadini, sistemi educativi, uso di sistemi coercitivi, utilizzo di strumenti per ricavare profitto sono solo alcuni dei parametri che amministratori ragionevoli ed onesti dovrebbero utilizzare per la gestione della cosa pubblica. Purtroppo non è cosa pubblica ma è cosa loro, proprio come nella mafia.

    Report

    Rispondi

  • miacis

    07 Aprile 2016 - 23:11

    ..dunque i bidoni si spostano...interessante!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog