Cerca

La reazione

Vespa scrive la sua difesa: e ricorda Enzo Biagi

Bruno Vespa

Bruno Vespa

Parla Bruno Vespa. Dopo i tanti commenti, le critiche di cui è stato vittima dopo l'intervista al figlio di Totò Riina, il giornalista scrive una lettera al Corriere della Sera e si difende. "Se Adolf Hitler risalisse per un giorno dall'inferno e mi offrisse di intervistarlo, temo che dovrei rifiutare". Spiega che la "Storia è stata scritta dai cattivi" e che "compito dei cronisti è intervistarli per approfondire e mostrare l' immagine della Cattiveria. Aveva ragione nel gennaio del '91 il governo Andreotti a voler bloccare (senza riuscirci) la mia intervista a Saddam Hussein alla immediata vigilia della prima Guerra del Golfo perché il dittatore iracheno era un nostro nemico?" Vespa spiega che quando gli si è prospettata la possibilità di intervistare il mafioso,ne ha parlato con il nuovo direttore di Raiuno e ha realizzato un'intervista un cui - spiega - " credo di aver mosso al giovane Riina le obiezioni di una persona di buonsenso mostrandogli anche le immagini delle stragi di Capaci e di via D' Amelio e dell' arresto di suo padre. Ho riportato dall' incontro l' impressione che avevo riportato dal libro: un mafioso con l' orgoglio di esserlo. Era utile che il pubblico conoscesse il volto della nuova mafia? A mio giudizio sì, perché solo conoscendo la mafia la gente acquisisce la consapevolezza di doverla combattere".

Il passato - Ricorda l'intervista di Biagi a Michele Sindona. "Prima di entrare nel merito ci fu una piacevole introduzione sui pasti del detenuto e sulla qualità delle sue letture. L' avvocato Ambrosoli era stato ucciso tre anni prima. La Commissione antimafia - che già esisteva - non batté ciglio. Lo stesso Biagi intervistò liberamente Luciano Liggio, il maestro di Totò Riina, il capo dei capi dei primi anni Sessanta. E Tommaso Buscetta, che spiegò come funzionava la Cupola, ma non pianse certo pentito sulla spalla del grande giornalista. Altra intervista famosa fu quella di Biagi al terrorista nero Stefano Delle Chiaie. Non ricordo che siano stati parallelamente ascoltati i parenti delle vittime". Ci fu chi come Jo Marrazzo, intervistò intervistò il capo della 'ndrangheta Giuseppe Piromalli e il capo della camorra Raffaele Cutolo. "Ricevette meritati complimenti. Come li ricevette Sergio Zavoli per aver intervistato tutti i terroristi (non pentiti) disposti a rispondere alle sue domande". E poi ancora Vespa ricorda Massimo Cinacimino, figlio di Vito, ospite d'onore di Santoro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelux1945

    09 Aprile 2016 - 16:04

    Vogliono blindare tutta la RAI, mettendo loro uomini fidati in tutti i posti chiave!!!!!!!!!! Quando Santoro "intervistava" Ciancimino jr. andava tutto bene!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    09 Aprile 2016 - 15:03

    All'Università di Roma hanno fatto fare una lectio magistralis perfino a quel codardo di Schettino, eppure sono ancora tutti là. Bruno ha il difetto di non essere "politically correct" secondo i cretini che governano in Italia.

    Report

    Rispondi

  • pierinod

    09 Aprile 2016 - 15:03

    Ho apprezzato alcune trasmissioni di Vespa, ma mi sono rifiutato di guardarne molte altre di stampo gossipparo, aggiungo anche che NON ho guardato la trasmissione con il figlio di Totò Riina. Ma perchè non ci chiediamo come mai dopo oltre settantanni di repubblica, invece che combattere la mafia, lo stato è diventato esso stesso mafioso ? Forse è questo il vero motivo che cui Riina jr va in tv ?

    Report

    Rispondi

  • doberman

    09 Aprile 2016 - 13:01

    Da quelle parti ormai è noto devono accanirsi contro qualcuno, sarebbero la parte buona del Paese , da molti anni è tutto nelle loro mani , poveri noi............

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog