Cerca

La rubrica del pr

Omicidio Varani, tremano politici e Vip. Feste con droga e sesso, spuntano i video

La confessione dei killer del coca party. Quella lista dei ventitre omicidi

All'interno delle indagini sull'omicidio Varani rischia di esplodere una bomba devastante per tutti quei politici e personaggi dello spettacolo che frequentavano il giro di serate organizzato dal pr Marco Prato, in carcere assieme a Manuel Foffo per aver straziato e ucciso il loro amico Luca Varani. Secondo il Messaggero, nel computer e nel cellulare di Prato sono stati trovati diversi numeri di telefono e contatti di nomi molto noti tra i palazzi del potere romani e nel mondo dello spettacolo. Le ricerche degli inquirenti si stanno orientando su foto e video che potrebbero coinvolgere i nomi noti, in particolare quelli che di solito frequentavano le serate "ad alto rischio" organizzate da Prato. L'inchiesta è talmente delicata che il Gip ha imposto non solo la secretazione di tutti gli atti, ma anche una protezione con criptatura per impedire che nessuno senza permessi possa accedere al materiale che sarebbe potenzialmente deflagrante.

Le serate - Stando agli stessi racconti di Prato, nel suo pc e nel suo cellulare c'è abbondante quantità di materiale che immortala le serate che organizzava. Si potrebbe aprire un nuovo fronte di indagini, quindi, grazie all'ossessione che Prato aveva di fare video di sé e degli altri. Un'abitudine emersa anche con l'interrogatorio dopo l'arresto di Foffo, secondo il quale Prato lo ricattava proprio con un video a detta sua compromettente.

L'accusa - Proprio Foffo incita dallo scorso marzo i Carabinieri a controllare il cellulare dell'amico: "Vorrei che i telefoni in sequestro a me e a MArco vengano controllati. Ho visto cose orribili sui suoi telefoni, nelle quali erano ritratti stupri di donne e atteggiamenti pedofili, erano ritratti anche bambini nel compimento di atti sessuali". E dopo giorni che il Pc sarebbe stato introvabile, perché in custodia dall'avvocato di Prato "per lavorare alla linea difensiva", ora gli inquirenti hanno cominciato ad analizzare la memoria di quel computer e il mondo dei Vip romani trema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    11 Aprile 2016 - 14:02

    L'ho pensato anch'io.

    Report

    Rispondi

  • kufu

    11 Aprile 2016 - 10:10

    Vuoi vedere che poi alla fine verranno fuori nomi di politici sostenitori del Family Day? Chi vive la propria sessualità alla luce del sole, non ha bisogno di certe situazioni. Si chiamano Vizi privati e pubbliche virtù!!! Aspettiamo i nomi

    Report

    Rispondi

  • gescon

    11 Aprile 2016 - 09:09

    Toh! Adesso la magistratura si mette a secretare gli atti. Era ora. Vien da pensare perché, ragionevolmente, non lo abbia sempre fatto o, perché, siano spesso successe cose diametralmente opposte. Qui non si capisce più un cazzo ovvero, purtroppo, si capisce tutto. Il fatto è che il legittimo affidamento da tempo è andato a puttane.

    Report

    Rispondi

  • giacomo7

    11 Aprile 2016 - 09:09

    non uscirà nemmeno un nome se sono coinvolte le bestie sinistre

    Report

    Rispondi