Cerca

L'inchiesta

Spunta un dossier bomba: I festini, i cavalli, i vizi Tutti i segreti dell'ammiraglio

Spunta un dossier bomba: I festini, i cavalli, i vizi Tutti i segreti dell'ammiraglio

Un dossier anonimo inguaia il Capo di Stato Maggiore della Marina Giuseppe De Giorgi, indagato dalla Procura di Potenza nell’inchiesta sul petrolio. Dal documento consegnato agli inquirenti, alla presidenza del consiglio e al ministero della Difesa,  pubblicato dal Corriere della Sera emergono dettagli sulle sue spese folli . "Festini e scambi di interessi con l'imprenditore Gemelli (fidanzato della Guidi)", si legge. L’autore del dossier è un militare della Marina che resta anonimo perché, spiega "ho già pagato per non essermi piegato alle richieste del capo di Stato maggiore". Il documento è molto dettagliato, parla di commesse milionarie autorizzate da De Giorgi per ristrutturare i salottini e il qudrato ufficiali delle navi della Marina, cene in ristoranti di lusso con tanti invitati.

Cavallo taxi - Il dossier contiene dettagli precisi. "Famosi - si legge - sono stati i festini organizzati dal comandante a bordo della Vittorio Veneto in navigazione, con tanto di trasferimento a mezzo elicottero di signorine allegre e compiacenti. O di quella volta, sempre da comandante della Vittorio Veneto in sosta a New York, che accolse gli invitati ad un cocktail a bordo, in sella a un cavallo bianco appositamente noleggiato. E poi, prosegue il dossier: "Tutti sapevano e tutti, per paura delle sue vendette, tacevano circa l'uso improprio che l'ammiraglio, una volta diventato capo delle Forze Aeree della Marina, faceva degli elicotteri e soprattutto del velivolo Falcon 20 che in versione Vip lo trasportava continuamente come in un taxi (spesso in allegra compagnia da una parte all'altra dell'Italia, per l'esaudimento di interessi personali ma a spese del contribuente)". Si parla dei trasferimenti-punizione per quei militari che “hanno fatto parte del gruppetto che nel corso delle prove del defilamento del 2 giugno, facendo scherzi con palloncini pieni d’acqua schizzarono Sua Maestà De Giorgi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    13 Aprile 2016 - 22:10

    A proposito....Ho conosciuto il papà di una persona,purtroppo ormai deceduto...Nel 43,quando scapparono tutti quanti in Egitto con l'ammiraglia della flotta da guerra italiana,l'ammiraglio che si trovava a bordo,fu buttato in mare con un calcio in culo ben assestato.Fine ingloriosa di un alto ufficiale.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    13 Aprile 2016 - 22:10

    A prora c'era la guerra...A poppa i festini Hot.Il transatlantico è tanto lungo che non se ne è accorto nessuno che a prora sparavano e si ammazzavano.....Ed il marinaio tutto pesto e sporco di sangue,che avvertì coloro che ballavano,bevevano e trombavano,gli dissero:"Stia punito".

    Report

    Rispondi

  • gianni1946

    gianni1946

    13 Aprile 2016 - 01:01

    Questo signore è stato l'ideatore di Mare Nostrum assieme a quel' incompetente del nostro Ministro Alfano, con il consenso della Sboldrina, approvato dal pifferaio Renzi,,,dunque se ha sbagliato pedate nel sedere ,è retrocesso subito al grado di mozzo

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      14 Aprile 2016 - 00:12

      Condivido pienamente, un solo particolare dandogli il grado di mozzo lo hai promosso, io invece direi sempre che sia vero il tutto, alla radiazione con ........!

      Report

      Rispondi

  • cicalino

    12 Aprile 2016 - 22:10

    Qualche anno fa l'Ambasciatore di Francia Alain Le Roy ha decorato il De Giorgi con la Legion d'Onore, la massima onorificenza francese. Fra la dozzina di decorazioni collezionate dall'ammiraglio figura anche quella di Cavaliere di Gran Croce, la massima onorificenza della Repubblica Italiana...Ora che faranno, in caso di condanna, gliele tolgono?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog