Cerca

Arrestati a Genova

Zingari in ospedale: derubati i bambini in coma

Zingari in ospedale: derubati i bambini in coma

Hanno fatto razzia nelle sale dell'ospedale pediatrico dove i loro stessi figli erano ricoverati. Hanno rubato dalle tasche di altri genitori che si trovavano al capezzale di bimbi malati, approfittando della distrazione dovuta alle notti insonni, alle ansie e alle paure. Hanno portato via oggetti preziosi e anche ricordi, come il telefono di un papà che assisteva la sua piccina in coma o come il tablet della piccola Elisa, colpita da una malattia incurabile agli occhi.
Mentre mamma e papà cercavano di consolare il suo pianto di bimba diventata cieca, qualcuno dal comodino le portava via l' iPad dove conservava le sue ultime foto da vedente.
È accaduto all' ospedale pediatrico Gaslini di Sturla (Genova) la primavera scorsa e, dopo una lunga indagine, dieci persone sono state denunciate per i furti: almeno otto sono nomadi della comunità «Caminanti» di Noto, di origini siciliane, che in quel periodo si trovavano accampati nei pressi della città. L' indagine, denominata Santa Lucia, è partita dopo il furto del tablet di Elisa, ma in quei giorni, come nelle settimane precedenti, le sparizioni si ripetevano quotidianamente. E nello stesso periodo, sempre presenti in ospedale c'erano i caminanti ricoverati e i loro parenti impegnati ad assisterli.
Non così impegnati, però, da rinunciare a far man bassa. Dalle sale dell' ospedale in pochi giorni sparirono una ventina tra smartphone, ipad, tablet, ma anche fedi nuziali e anelli che i genitori, indaffarati nella cura quotidiana dei piccoli pazienti, toglievano dalle dita e lasciavano nei cassetti delle camere di degenza.
L' equazione che ha portato la polizia alle denunce è stata tutto sommato semplice: chi c' era in quei giorni in ospedale? Sempre loro, le famiglie di nomadi, che agivano a quanto pare in modo organizzato, anche con l' aiuto di due dipendenti dell' impresa di pulizie che lavora all' interno dell' ospedale.
Funzionava così, secondo le ricostruzioni dell'indagine: i ladri adocchiavano il «prezioso» durante la degenza del loro caro, si organizzavano per rubarlo insieme ai due operatori e poi se lo portavano a casa, una volta finita la degenza dei loro bambini. Le sparizioni, infatti, incrociando i dati, coincidevano sempre con il giorno delle dimissioni dei piccoli nomadi. Una volta fuori, poi, erano attenti a non farsi scoprire: le schede sim presenti nei supporti venivano subito tolte e distrutte, i dati personali dei legittimi proprietari venivano cancellati e gli strumenti, ripuliti, venivano usati solo attraverso collegamenti wifi, per evitare di essere rintracciati.
Ma non è bastato. Una volta rientrati a Noto, dove la comunità possiede diverse abitazioni utilizzate come fissa dimora nel periodo invernale, i caminanti denunciati hanno abbassato la guardia e le polizie delle due città, collaborando, hanno individuato i segnali dei supporti rubati, che provenivano proprio dalla provincia di Siracusa.

Le perquisizioni nelle abitazioni hanno fatto il resto. Ora dovranno rispondere di furto aggravato. Oltre al tablet di Elisa, che la polizia sta ancora cercando, tra la merce rubata è stato trovato il cellulare sottratto ad un padre di Savona che stava assistendo la figlia in coma e lo smartphone di un medico, sparito proprio mentre questo era impegnato a visitare uno dei bimbi della comunità siciliana.

Alessia Pedrielli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • augusto.mursia

    23 Aprile 2016 - 10:10

    siamo un popolo di rincoglioniti, unica salvezza il vaticano deve cambiare paese se sono tutti figli suoi se li porti a casa sua e non rompa le palle con falsi moralismi ai tempi dell'inquisizione era il peggior governo dell'epoca, oggi solo spot. am en

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    15 Aprile 2016 - 08:08

    In qualsiasi paese civile se un minore è indotto dai genitori all'accattonaggio o al furto viene sottratto alla potestà dei genitori e affidato ai servizi sociali,in Italia no perchè fiancheggiati da politici buonisti e complici nei loro affarucci

    Report

    Rispondi

  • gianniob

    14 Aprile 2016 - 20:08

    E' risaputo: gli zingari sanno solo rubare, distruggere, sporcare. E' una razza da eliminare.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    14 Aprile 2016 - 19:07

    sono degli sciacalli, spero che nessun giudice/avvocato li assolva con la scusa che sono disadattati. altra domanda magari questi personaggi sono assistita da caritas o similari xchè sono dei poveri, ma hanno diritto a cure, ma pagati da chi? da me pensionata con i ticket sanitari, ma che se vuole avere delle cure specialistiche deve pagarsele xchè le liste di attesa sono infinite. basta finiamola

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog