Cerca

Il governo tiene duro

Canone in bolletta bocciato: ma a luglio i 70 euro si pagheranno lo stesso

Canone in bolletta bocciato: ma a luglio i 70 euro si pagheranno lo stesso

La bocciatura del decreto sul canone Rai da parte del Consiglio di Stato ha fatto saltare molti sulla sedia: vuoi vedere che dopo tanto parlarne, la genialata del canone in bolletta va a monte e si torna a fare come prima? No. Almeno per il momento il governo pare intenzionato a tenere duro. Come scrive il quotidiano Il Giornale, tutto si risolverà con una campagna di informazione più capillare e specifica, con una migliore indicazione degli apparecchi che saranno sottoposti al balzello e con uno slittamento del termine entro il quale sarà possibile auto-dichiarare che non si ha una tv e che dunque si è esenti da canone. Da più parti, politiche e non, nelle scorse ore sono arrivate richieste di cancellare il sistema della bolletta, o quantomeno di far slittare la prima rata da m70 euro che si dovrà pagare all'inizio di luglio. Nada, Niente. A slittare sarà solo la "dichiarazione sostitutiva". Lo ha spiegato, ieri, lo stesso sottosegretario Giacomelli: "Sposteremo al 15 maggio prossimo il termine della dichiarazione da inviare per chi non è in possesso di tv e quindi non deve pagare" (prima la scadenza era il 30 aprile). Gli altri, paghino...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    16 Aprile 2016 - 18:06

    lo avete votato il rensi, o meglio il suo pd, adesso godeteveli.

    Report

    Rispondi

  • lucaschiavoni

    16 Aprile 2016 - 13:01

    assurdo. quindi visto che molti non pagano il bollo auto.. renzi potrebbe addebitarlo sulla bolletta dell acqua (che non c entra nulla, come la tv e la corrente..) e poi chi NON HA l auto deve dichiararlo a SUE SPESE tutti gli anni? Ma questa è roba da regime sovietico. SPERO ci siano ricorsi di massa.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Aprile 2016 - 13:01

    I soloni che dovevano cambiare la politica non sono in grado neanche di scrivere un decreto per far pagare il canone in bolletta, figuriamoci la riforma della Costituzione!

    Report

    Rispondi

  • gescon

    16 Aprile 2016 - 11:11

    La ottusa cocciutaggine e la incapacità di riconoscere gli errori è comportamento tipico degli imbecilli. Avanti così che prima o poi lo capiranno anche I coglioni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog