Cerca

Il caso

Morti in ospedale, l'infermiera di Piombino: "Ora vi racconto il mio incubo con i pm"

Morti all'ospedale di Piombino, scarcerata l'infermiera Fausta Bonino

"Mi hanno fatto il lavaggio del cervello", "speriamo che venga fuori la verità. Quando verrà fuori la verità capirete tutti". Fausta Bonino, l'infermiera accusata di aver ucciso con l'eparina 13 persone nel reparto rianimazione di Piombino e liberata dal Tribunale del riesame dopo 21 giorni di carcere, parla a Repubblica: "Sono una persona perfettamente normale, ho sempre fatto il mio lavoro con scrupolo e lo sanno tutti".

Già a Quarto grado su Rete4 la Bonino aveva spiegato: "Io sono veramente nata per fare l'infermiera e l'ho fatto proprio con passione il mio lavoro. No, assolutamente non avrei potuto fare una cosa del genere". L'ipotesi di un serial killer, per lei, non è fondata - "anche conoscendo le mie colleghe, non è possibile che ci sia" - e dei familiari delle vittime dice di "averli nel cuore", di "essere dispiaciuta". 

La Bonino è rimasta scossa dagli interrogatori: "Sono stati drammatici, una cosa tremenda. Veramente un incubo, nessun criminale è stato mai trattato così", "mi facevano sempre sentire colpevole. Mi hanno proprio sconvolto". E racconta che il pm titolare dell' inchiesta, Massimo Mannucci "mi ha trattata malissimo. Continuava a dirmi che potevo essere fuori di testa", "visto che prendevo le pasticche per l'epilessia. Ho detto a mio marito: avrò mica avuto dei momenti...". Sempre il pm davanti ai giudici del Riesame "ha detto che sono un elemento pericoloso: se va a casa uccide i familiari, il marito e tutti i parenti. A quel punto ho pensato di non uscire più dalla galera".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • me nono

    23 Aprile 2016 - 12:12

    aPar condicio, stesso trattamento pe il pm titolare dell' inchiesta, Massimo Mannucci, poi ne riparliamo.

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    23 Aprile 2016 - 11:11

    ...NIENT'ALTRO CHE LA VERITA' !!! - Dal caso “dell’infermiera di Piombino”, dibattuto in TV…si ventila che gli interrogatori del PM dovrebbero essere avallati da video-registrazioni e telecamere, che evidenzino i comportamenti e gesti dei soggetti interessati…altrettanto si sollecita negli asili nido (violenze sui bambini), ospedali, case di riposo e quant’altro. Aggiungerei, soprattut

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    23 Aprile 2016 - 08:08

    Conoscendo il modo di fare di tanti PM, quest'infermiera comincia a starmi simpatica. Del resto: niente di nuovo sotto il sole. Rileggetevi la Storia della colonna infame scritta dal Manzoni per ricordare il processo agli untori. La storia si ripete. Quello che avvenne circa cinque secoli fa si ripete anche oggi. Si è ripetuto con Enzo Tortora e forse si ripeterà con l'infermiera.

    Report

    Rispondi

blog